SE NON IMPARIAMO QUALCOSA VANIFICHIAMO TUTTO: lista (non esaustiva) dei cambiamenti che dobbiamo portare con noi nel post coronavirus

Il virus è un colpo di vento per equilibristi incerti. (cit.)

Non è mia ma mi è piaciuta molto, è un’immagine potente e sintetica: siamo tutti equilibristi, talvolta addirittura funamboli, alla ricerca di un equilibrio che va ogni giorno negoziato con le condizioni esterne e con le variabili che non sono sotto il nostro controllo.

Avanziamo un passo dopo l’altro, chi più e chi meno sicuro ma di fronte al virus siamo tutti più incerti perché il nemico è invisibile, infido e va a colpire direttamente la nostra salute e indirettamente tutta la nostra vita, le abitudini, la libertà, il lavoro, le emozioni, la fiducia e la sicurezza.
Nessun ripostiglio del nostro quotidiano è esente dalla mira di un cecchino invisibile o dai provvedimenti necessari a isolarlo.
Siamo messi in crisi.

A differenza però dal 2008/2009 dove, banalizzo per esigenze di sintesi, le speculazioni di una parte hanno provocato l’implosione dell’intero sistema economico con ripercussioni su tutti, e ha generato un profondo senso di sfiducia generale e una percezione di “non possibilità”, oggi quello che sento è un forte sentimento di coesione, un movimento – che se non è di tutti è di molti – verso l’oltre-coronavirus e la fiducia/volontà di uscire da questo momento più solidi e più uniti.

E con tutto il rispetto per un momento che di bello a prima vista non ha niente, oggi voglio parlare delle cose belle che stiamo imparando “grazie” all’emergenza coronavirus e che spero, porteremo con noi anche dopo, altrimenti tutto questo si rivelerà uno sforzo vano e noi saremo dei perfetti imbecilli.

Perché non possiamo gridare allo smart working e poi continuare a ritenere il mondo virtuale meno reale del mondo fisico, o concedere l’home working pur di non fermare il lavoro e poi riprendere un atteggiamento di sospetto e di controllo dell’operato dei nostri collaboratori “che sai, a casa poi fanno anche la lavatrice… e io non li pago per stendere il bucato”.

Stiamo tutti crescendo in questo periodo e sta crescendo anche la capacità di sfruttare la tecnologia per trovare non solo efficienza produttiva ma anche contatto, vicinanza, relazione.
È la mia battaglia: sensibilizzare le persone ad un uso più umano del mondo digitale e finalmente, quando l’acqua tocca il culo come si dice qui o quando il coronavirus entra negli uffici e bussa alla porta di casa, in molti iniziano a capirlo.

Quindi, fedele al mio ottimismo che niente ha da spartire con il pensiero positivo bensì più con la voglia di procedere, con un sorriso che non vuole mostrarsi cieco alla sofferenza – fisica e non – di molti e con le dita che corrono sui tasti, provo a lanciare lo sguardo – insieme al cuore – oltre l’ostacolo per visualizzare come saremo in un futuro che spero sarà il più prossimo possibile.

Ecco le conquiste che vedo a portata di mano (e non sono le sole).

RICONOSCIMENTO (E RICONOSCENZA) DELLE COMPETENZE ALTRUI

Che da quando c’è Google tutti sono in grado di diagnosticare malattie, risolvere contenziosi ed erigersi a esperta o esperto di qualsiasi cosa. O di contestare sempre e comunque il lavoro degli altri.
In questo momento, nonostante la nostra tendenza alla contestazione sia più resiliente dell’abitudine a recarsi in ufficio, iniziamo a capire quanto sia più utile attenersi alle indicazioni, riconoscendo le competenze altrui e partecipando – uniti nella distanza – a creare un fronte comune. Scegliere di “agire per” anziché “agire contro” significa anche fidarsi delle capacità di chi ne sa più di noi (medici in primis).
Non come pecore ma come persone responsabili e critiche prima di tutto verso se stesse: se non so taccio e rispetto il lavoro altrui.
E questo vale anche a favore delle campagne contro “ho un cuggggino che lo sa fare”.

INTELLIGENZA (ED EMPATIA) DIGITALE

C’è ancora chi considera le relazioni virtuali un surrogato falso – e falsato – di quanto si può costruire vis à vis, nel mondo reale fatto di carne, rughe per quel che mi riguarda e quella ciccia che il lavoro da casa sta dispensando un po’ a tutti.

Non provoco sul concetto di autenticità perché mi pare banale dire che anche al bar siamo pur sempre un po’ filtrati, lo siamo in un colloquio di lavoro in presenza, quando andiamo a prendere l’aperitivo o in ufficio quando interpretiamo il nostro ruolo. Tutti, chi più e chi meno.
Riserviamo la parte più autentica di noi solo ai nostri cari, che ne farebbero peraltro volentieri a meno.

Detto questo, mai come adesso le persone stanno sperimentando come la tecnologia non sostenga solo la produzione ma anche le relazioni (e non solo quelle professionali): social network, tools di video conferenza e messaggistica ci aiutano a trovare quel contatto – e conforto – che oggi dobbiamo limitare o smorzare del tutto.

Chiaro, se questo è funzionale solo a provare il gusto di un aperitivo su Skype non abbiamo capito niente.
Se pensiamo che basti scriversi su LinkedIn per volerci bene non abbiamo di nuovo capito niente.
Se adottiamo la regola che “digito ergo sum” ancora non abbiamo capito niente e Gabriele dice bene quando afferma “meno rumore forzato e più silenzio meditato” (Gabriele è anche autore dell’apertura di questo articolo).
Ma se riusciamo a integrare i mondi – virtuale e fisico – e i modi in un processo unico e amalgamato di cura della relazione, allora forse saremo in grado di far fare un passetto oltre alla nostra intelligenza emotiva che non va in auto-distruzione davanti a uno schermo.
Se poi capiamo che il business arriva dopo e per merito (dopo le relazioni e per merito delle relazioni), ma arriva, allora abbiamo fatto bingo.

E comunque io non vedo l’ora, passata l’emergenza, di vedere giovani che limonano ad ogni angolo, persone che camminano mano nella mano, un incremento delle nascite (effetti della reclusione) e gente che riscopre il bello di abbracciarsi, oltre che di fare colazione insieme come abbiamo fatto in venti stamattina.

L’UPGRADE DELLE COMPETENZE DIGITALI

C’è chi smanetta da sempre e chi davanti a skype mi va nel pallone…
C’è mio papà che partecipa alle riunioni Scout in video conferenza e imprenditori che faticano ma poi ti concedono un appuntamento a distanza.
Mamme che scaricano – e così scoprono – skype per permettere ai figli di incontrare i loro compagni di classe.
Giovani che studiano da casa.
Fioriscono come primule a marzo i webinar e le persone si interessano improvvisamente alla formazione on line.
Le aziende spingono i processi di digital trasformation e chi lavora impara a collaborare a distanza usando applicazioni e strumenti nuovi.
In alcuni casi addirittura l’efficienza aumenta, a scapito dei caffè alla macchinetta che restano, a mio avviso, un momento irrinunciabile del processo lavorativo.

Insomma, c’è un avvicinamento spintaneo alla tecnologia anche per chi è abituato a fare le cose diversamente e che non può che arricchirci e renderci persone, prima ancora che professionisti, più capaci e ricchi di risorse.
E serviva il coronavirus? Forse sì perché siamo pigri e, a parte gli addetti ai lavori e i curiosi, i social estroversi e pochi altri, tutti resistiamo al dover imparare uno strumento nuovo o a esporci fuori dal nostro recinto di sicurezza.

Non dobbiamo buttare via le macchine del caffè, anzi. Ma diventare più agili, flessibili e reattivi verso qualcosa che ci aiuta a lavorare e non solo.

DELEGA E RESPONSABLIZZAZIONE

È un effetto positivo dello smart working: maggiore delega e responsabilizzazione. Non perché il lavoro agile annulli le gerarchie ma perché ci rende tutti ancora più responsabili in prima persona di quanto stiamo facendo. Talvolta ci porta a prendere decisioni in modo più autonomo e comunque a decidere di restare incollati al pc nonostante le lenzuola siano asciutte e vadano ritirate.

Io mi aspetto che questo atteggiamento ci accompagni anche tra qualche settimana e si integri nella vita professionale di tutti, a beneficio di un miglior equilibrio tra vita personale e vita lavorativa (che poi la vita è una sola) e a vantaggio di quel movimento che vede le persone al centro.

ACCETTAZIONE DELLA NOSTRA FUNAMBOLICA INCERTEZZA E GIOCO DI SQUADRA

È così, nessuno può ripararsi da quanto sta accadendo e i super eroi non solo non esistono ma neanche servono.
Più utile rendersi conto che non possiamo controllare tutto, anche a dispetto dei compiti fatti bene qualcosa può andare storto o semplicemente intervenire e cambiare le regole del gioco.

Siamo vulnerabili, e lo siamo tutti, nessuno escluso.
Non si combatte la vulnerabilità, si allena la capacità di reagire.
E di fare comunità.
Di collaborare, di agire con generosità e partecipazione.
Che il male più pericoloso è l’individualismo.

Aumentano iniziative e richiami a un agire insieme, iniziative a favore di chi è isolato, collaborazioni inedite, grande generosità e comprensione. Proprio adesso che l’indicazione numero 1 è “state distanti” improvvisamente emerge un senso di comunità nuovo.
C’è solo questo?
No, sono sicura che non sia tutto baci a distanza e mani virtuali che porgono aiuti reali, ma ci stiamo comunque unendo come paese e come persone e questo non può che rafforzarci e spero, diventare contaminante più del virus.

PER QUELLO CHE MI RIGUARDA

Quello che voglio mettere in zaino è tutto questo ma anche cose molto più piccole e più semplici che però si affacciano nuove:

  • un ritrovato piacere nel vivere la casa, io che l’ufficio è come la connessione wi-fi: indispensabile,
  • l’utilizzo dopo anni di astinenza della pasta madre: ebbene sì, sto impastando,
  • la pratica quotidiana della mindfulness, non abbandonata non depennata in fondo alla loista delle cose da fare,
  • una conciliazione nuova tra attività professionali e attività domestiche e un senso di integrità che mi piace.

LE RISORSE PER CAMBIARE LAVORO

Questo articolo nasce con l’obiettivo di ridurre la percezione di difficoltà che assale chi decide, dopo più o meno tempo, di rimettersi sul mercato (e un giorno parleremo del perché sia preferibile non uscire mai).

Lo anticipo, è un post che potrebbe risultare antipatico a molti perché i due concetti di fondo sono:

  • inizia a sgambettare (ho evitato dei francesismi più coloriti ma il senso si capisce)
  • per cambiare lavoro spontaneità e improvvisazione non bastano

Lo so, molti sono già consapevoli che bisogna agire e usare un metodo ma il punto è proprio questo: sappiamo tante cose ma continuiamo ad agire in un altro modo (o non agiamo proprio).
E questo riguarda tutti, me inclusa.

DUE CATEGORIE DI PERSONE: TU A QUALE APPARTIENI?

Da un po’ parlo di cambiamento ma è un tema così ampio e complesso che riuscire a dire a ciascuno la cosa più adatta a lui/lei è difficile.
Di base possiamo dire, senza generalizzare, che ci sono due grandi categorie di persone:

  • chi il cambiamento lo cerca, lo insegue, lo ama e lo sceglie come filosofia di vita
  • chi il cambiamento lo soffre, lo allontana, lo subisce ed è portato per il consolidamento

I primi rischiano di faticare a mettere radici, i secondi dalle radici si fanno bloccare.

E sì, c’è una via di mezzo di persone forse più razionali, consapevoli e capaci di impostare una strategia che riescono a gestire questa attività in modo più lucido e calcolato, ma loro non hanno bisogno di me.

Gli irrequieti hanno ben imparato come si cambia oppure lo stanno imparando a forza di prove ed errori, cambio dopo cambio. A loro, come a me, è più opportuno ricordare che non sempre cambiare risolve e che c’è una distinzione importante tra fuggire e cambiare. Ma anche gli amanti delle nuove esperienze devono capire che il cambiamento va cercato e costruito per incontrare più possibilità di successo che fallimenti (che sulla teoria del fallimento ho le mie idee e quando sbagli impari solo quello che non bisogna fare, ma è dai successi che si impara davvero).

Chi sa adattarsi, chi consolida e si lega con abnegazione e fedeltà all’azienda, dando e sopportando a lungo, corre invece un altro pericolo.
Queste persone, professionisti e professioniste di ogni funzione e livello, non sono esenti dal desiderio di cambiamento, anzi. Ma questo desiderio, in loro lievita piano e solo dopo diversi anni si palesa. Succede allora che la persona in questione decida (in modo più o meno spontaneo) che è giusto il momento di cambiare. Di solito, a quel punto, trovare il nuovo diventa un’urgenza.
Ma, un po’ perché sono anni, a volte decenni che non ci si trova a cercare un nuovo lavoro, un po’ perché nessuno ama il lavoro di cercare lavoro, si innesca un sentimento negativo che sfocia in paura, frustrazione, resistenza (voglio cambiare ma temporeggio fino ad arrivare al limite), impulsività (piglio la prima cosa che capita), senso di inadeguatezza e compagnia bella.

HAI TUTTO QUELLO CHE TI SERVE PER PARTIRE

Cerco di non essere troppo scontata o pericolosamente brusca ma il primo concetto da assimilare per chi cerca strumenti, consigli, suggerimenti, dritte e bigliettini sottobanco, è che le risorse non mancano! Per risorse intendo indicazioni, strumenti, consigli, insegnamenti, consulenze utili a prepararsi bene a questa attività.

Il secondo punto da smarcare – e lo stereotipo da smantellare – è che non serve investire (ma vorrei dire sprecare) eccessivo tempo nel lavoro di analisi e ricerca di fonti, scartabellare tutti i siti, studiare le diverse scuole di pensiero, analizzare le teorie e confrontare gli articoli scritti da tutti i migliori esperti di ricerca di lavoro in circolazione: l’esplorazione e l’analisi delle risorse a disposizione servono nella misura in cui non diventano un abili o una scusa per ritardare l’azione. E questo vale soprattutto per la seconda categoria di persone, per chi il cambiamento un po’ lo teme.
NB: Una valutazione più attenta può servire prima di sborsare dei soldi, questo sì. Ma c’è molto di gratuito a cui si può accedere.

Che poi, cosa serve davvero per iniziare a cercare lavoro?
Ecco un elenco non esaustivo ma sufficiente:

  • un CV scritto secondo i moderni canoni della comunicazione e del personal branding, che non si limiti a enunciare date e ruoli (ps chi dice che il CV non serve a mio avviso sbaglia, di certo però non basta)
  • un obiettivo più o meno chiaro o quantomeno una direzione (e quando questa manca serve la consapevolezza che va cercata)
  • un profilo LinkedIn aggiornato e magari attivo e interattivo sulla piattaforma
  • un network, relazioni e le opportunità per conoscerne di nuove
  • i portali on line dedicati alla ricerca di lavoro (generici e di settore)
  • competenze comunicative (non servono solo a cambiare lavoro quindi svilupparle non è mai un male)
  • la capacità di parlare di te come professionista ma anche come persona (ricordati che quel CV poi lo devi raccontare e andare ben oltre)

Benissimo, questa è una sommaria lista della spesa. E adesso?
Adesso sfrutta il web, le tue conoscenze, il confronto, la tua curiosità: tutte le voci dell’elenco sono a portata di mano. Se lo vuoi.
Non dico che sono obiettivi facili da perseguire, solo che puoi iniziare ad agire senza attendere particolari convergenze astrali.
On line puoi trovare moltissimi contenuti utili e risorse gratuite, persone, mi ci metto dentro ma sono l’ultima di una lunga lista, che hanno deciso di regalare contenuti e informazioni sui temi della ricerca di lavoro, del CV, di LinkedIn e del personal branding.
Eppure, come spiega il buon Alessio Beltrami a chi gli chiede se non sia pericoloso per un professionista regalare i propri contenuti sul web, il problema non si pone: a) perché nessuno potrà rubare la tua professionalità solo perché ne condividi i concetti b) perché i veri interessati, quelli che si prenderanno la briga di sfruttare quei contenuti, saranno relativamente pochi.
E ha ragione!

Il problema di molte persone che cercano lavoro o che vogliono iniziare a farlo è che in realtà non hanno davvero voglia di farlo in un certo modo, vorrebbero cambiare senza la fatica di fare le cose per bene.


Esiste una quantità di risorse che non basterebbe per una vita per usufruire di tutte, e in tutti i formati possibili e immaginabili: dai video, ai corsi on line, dai podcast alle note vocali su Telegram, dai libri ai blog.
Non dimenticare che esistono associazioni di professionisti che si riuniscono e fanno networking, convegni, eventi accessibili a prezzi accessibili che ti permettono di acquisire competenze e di ampliare la tua rete di relazioni.
E sì, bisogna alzare le chiappe e uscire di casa, magari la sera, quando l’unica prospettiva felice è Netflix, i lego con tuo figlio oppure altre due ore sul pc per finire un lavoro che devi consegnare… ma anche nello stacanovismo si cela una delle principali scuse e resistenze al cambiamento.

PARTI, NON ALLO SBARAGLIO MA PARTI

No, non starò qui a farti la lista delle migliori risorse a disposizione se è con questa speranza che stai procedendo nella lettura di questo pippone: googla e cerca! Attivati, sfrutta ciò che il web ma soprattutto le persone e i professionisti, mettono a disposizione e inizia a creare la tua personale cassetta degli attrezzi.
Esplora, sii curiosa e curioso, cerca!

Senza curiosità, unita a un certo interesse, i contenuti non arriveranno a te, senza sforzo arriva solo la pubblicità.


E poi sii perseverante, ma verso l’obiettivo non verso i mezzi: se uno strumento, una risorsa che hai adottato non ti sta portando da nessuna parte cambiala perdindirindina o chiediti se la stai usando correttamente.
Non inviare 147 CV prima di accorgerti che non funziona. Perché quando mandi 100 o 150 CV ad altrettante aziende senza ricevere risposta, non sei perseverante, sei pigro o pigra.
Se sei iscritto o iscritta a LinkedIn da 5 anni e nessuno ti si fila nemmeno per sbaglio ma tu leggi tutti i post del feed, non sei perseverante, sei pigra o pigro.

Basta, pippone finito! Ora metti a fuoco l’obiettivo e attivati.
E fallo anche se non stai cercando lavoro, si chiama allenamento.

CONTENUTO EXTRA: LE POSSIBILI OBIEZIONI A QUESTO ARTICOLO

Qualcuno, dopo aver letto, potrà avanzare queste obiezioni:

Mi stai dicendo che con quello che c’è su internet possiamo imparare a fare tutto quello che vogliamo? allora potremo anche sostituirci al medico nelle diagnosi…

No! Non sto dicendo questo. Il mio invito è di iniziare a sfruttare le risorse a disposizione e prendere consapevolezza che, rispetto al passato, a) è cambiato il modo di cercare lavoro b) il web è popolato di contenuti utili, e chi cerca trova. Se poi anche usa è un grande passo avanti.

Dici di non perdere troppo tempo a valutare i contenuti che troviamo, significa che qualsiasi cosa in rete è vera? Stai scherzando?

No! Non è questo il senso, il senso è che a volte, le fasi di analisi e di ricerca contenuti sono sproporzionate rispetto al tempo dedicato all’azione. Non vale per tutti ma chi agisce così lo sa. Sto parlando a loro e sto dicendo forza, avanti, partite!

Vuoi dirmi che su internet c’è la formula per imparare a cambiare lavoro?

No! Internet non può dirti come si cambia lavoro, nessuno può farlo: il web, i social, i guru, io, la sfera di cristallo o un oracolo. Nessuno perché non c’è UNA RISPOSTA, bensì una serie di azioni da mettere in pratica con consapevolezza, intenzione e perseveranza (con fatica pure). Ognuno secondo un proprio percorso. Il problema è che tanti vorrebbero LA risposta, IL MODELLO di CV giusto, LE dritte per fare un buon colloquio. Ma non funziona così, perché ognuno è diverso, il mercato è quello che è, la concorrenza c’è, e una serie di altre variabili che possiamo solo in parte controllare. Quello che ti sto dicendo quindi è che cambiare lavoro è spesso difficile, che per moltissimi non basta più inviare un CV e che, per fortuna, in rete puoi trovare un sacco di risorse per iniziare a muoverti. Sarà faticoso ma le risorse ci sono. Molte sono pure gratuite.

Perché le parole potrebbero cambiare il tuo lavoro, come smettere di aspettare la congiunzione astrale del perfetto 2020 e i miei regali per iniziare… ora!

È immancabile, irrinunciabile, inevitabile!
È lui, il post di fine anno.
E chi sono io per staccarmi dalla massa di persone che ti riempie di buoni consigli, propositi sberluccicanti e commoventi auguri?
Nessuno appunto, quindi mi allineo e lo scrivo.
Cercando di essere veloce e indolore ma portando anch’io un po’ di doni, per poi lasciare spazio a chi ha cose più appropriate da dirti ma soprattutto a chi ha baci da darti, abbracci da regalarti e vino da offrirti.

Partiamo dal fondo: buon Capodanno, e anche buona codadanno, e pure il mezzodanno che sia buono.
Però chiariamoci: il 2020 sarà un anno come un altro. Checché ne dicano gli oroscopi e le previsioni astrali, io aspetto l’anno dei pesci da parecchio e ancora non si vede.
O forse la soluzione sarebbe cambiare punto di vista e smettere di aspettare.
Esattamente da… ora!
Ecco, forse è proprio tempo di cambiare punto di vista e dismettere le aspettative (che non significa abbandonare le ambizioni).
Un punto di vista diverso parte dal dire grazie, parolina magica che imponiamo ai bambini e poi ci dimentichiamo di usare nei confronti di quello che la vita ci porta, troppo concentrati a sottolinearne le sfighe che, te lo dico, ci saranno sempre, anche se le mandi a cagare e ti sfoghi su LinkedIn, a questo punto… prova a fare diverso.

Al mio 2019 dico grazie soprattutto per due cose:

  • una sono le persone, persone conosciute, persone che mi hanno consolata, persone che mi hanno insegnato, persone che mi hanno ferita, persone che mi hanno ascoltata, persone che mi hanno spronata, persone che hanno usato carta vetrata intrisa di sentimento, persone che mi hanno detto di no!
  • la seconda è il focus professionale e la presa di consapevolezza su quello che voglio fare: lavorare con le aziende e per le persone, per lasciare il mondo del lavoro un po’ migliore di come l’ho trovato (cit.). E questo significa lavorare affinché cresca in consapevolezza, attenzioni e cultura della persona. Ma anche in strumenti.
    Nella mia cassetta degli attrezzi un posto speciale è dedicato alle parole e alla comunicazione scritta come veicolo di cambiamento, cultura, benessere e professionalità. La scrittura funzionale e di stecca, come la chiama Annamaria Anelli che già si occupa di questi temi con una competenza a cui io aspiro. Niente a che fare con la letteratura bensì con le persone, con le aziende e con la crescita del business (che non vivo sulle nuvole e si sa, l’obiettivo è fatturare).

PERCHÈ LE PAROLE?

Scegliere le parole diventa importantissimo quando capisci che ciò che scrivi, anche una semplice mail, un CV, un’informativa, un’inserzione, la risposta a un reclamo può generare emozioni positive, sviluppare relazioni e stimolare un’azione che ha il gusto di cambiamento.

Scegliere le parole, usare le parole, dire le parole, condividere le parole e prendersi cura delle relazioni e delle persone, con uno dei più basilari strumenti che abbiamo a disposizione insieme all’ascolto: il linguaggio. Ed è pure gratis.
Le parole per arrivare, andare verso e trovare un’espressione comunicabile: le parole per trovarsi, le parole per costruire, ma insieme.

Dal libro di Severgnini – L’italiano, lezioni semiserie

Se ti fermi un momento e pensi a cosa puoi fare con le parole ti accorgi che scrivere è un super potere, così come lo è il respiro, il problema è che tu oggi scrivi un po’ come respiri: senza farci caso!
E invece hai in mano una cosa che può cambiare te, come stai, come percepisci ciò che ti accade, come stanno le persone che lavorano con o per te, come si esprime la tua azienda, come si relaziona alle persone (che siano clienti, fornitori, partner, investitori…), come ti percepiscono gli altri.
Possono essere contenuti, storie, campagne pubblicitarie o semplici comunicazioni di servizio ma le parole che usi esprimono la tua impronta professionale, quella della tua azienda o dell’azienda che rappresenti.
Ecco perché le parole e il linguaggio: perché rappresentano l’essenza della comunicazione, il mattone delle relazioni e il biglietto da visita più immediato della nostra e della tua professionalità.

Ti porto in dono

E quindi ecco anche i miei regali: doni per chi ha voglia di farsi un po’ il culo per contribuire al cambiamento e che non piaceranno invece, a chi attende che il cambiamento lo porti Babbo Natale o, a questo punto delle feste, la Befana.

Puoi scegliere, se leggere o ascoltare, o puoi fare entrambe le cose ma soprattutto puoi decidere, da adesso, di cambiare qualcosa, basta un 1% delle parole che usi ogni giorno, un 1% della (non) attenzione che metti ogni giorno quando scrivi, un 1% in meno degli automatismi che segui per fare meno fatica, perché lo sai: scegliere le parole e scrivere chiaro è molto più complicato (alla faccia di chi dice che la scrittura semplice svilisce la lingua).

REGALO UNO

Ti regalo parole, quelle di chi ha contribuito a questo mio percorso e che ti faranno capire quanto cambierà in meglio il tuo lavoro attingendo a ciò che, speriamo, l’AI (intelligenza artificiale) ancora non ha: l’umanità.
Annamaria Anelli non è solo una business writer, Annamaria è una donna che lotta e che si schiera attraverso le parole per amore delle persone e del loro lavoro, che se ne prende cura con forza e garbo e che ovunque insegni porta il cambiamento come dicembre porta i panettoni e le calorie.
La puoi leggere in questo profondo articolo che parla del prendersi cura attraverso le parole,
la puoi ascoltare in questa intervista sulla comunicazione del colloquio di lavoro ma non solo,
puoi sentire il suo podcast su Storytel per imparare a trovare le parole più vere per comunicarti in ambito professionale.

REGALO DUE

Ecco due foto dal libro di Severgnini “L’italiano, lezioni Semiserie” che valgono più di qualsiasi altro discorso, qui c’è la concretezza che puoi adottare da… ora!

HR: TOCCA A NOI

Chiudo con un appello: come HR credo sia proprio la “funzione del personale” a dover muovere i primi passi di un cambiamento di cultura e di azioni traendo forza da un mutamento delle relazioni e dei rapporti che, senza sovvertire le gerarchie, devono trovare un nuovo equilibrio fatto di rispetto, riconoscimento, chiarezza, vicinanza, condivisione e crescita.
Di umanità sentita, non solo dichiarata, di inclusione voluta, non solo pubblicizzata.
E chiudo con questo articolo ben scritto di Osvaldo Danzi, un bonus proprio per chi si occupa di HR e di recruiting: la prima cosa concreta che possiamo fare con le parole è iniziare a dare risposte, da… ora!

COME IMPATTANO I NOSTRI PROFILI SOCIAL SULLA SFERA PROFESSIONALE?

Oggi, ve lo dico, tante domande e poche risposte!
L’idea è di sollevare l’attenzione su un tema che, come persona, recruiter e formatrice sento farsi urgente, di difficile risoluzione, delicato e a tratti spinoso.

  • Come persona perché sono una di quelle che si potrebbe definite molto social e molto esposta.
  • Come recruiter perché ho iniziato a chiedermi dove si pone il confine di ciò che posso o devo indagare sulle persone quando svolgo il mio lavoro.
  • Come formatrice perché ciò che insegno potrebbe avere delle ripercussioni che richiedono una partecipazione personale non scontata.

Parliamo dell’uso dei social network e del loro impatto sulla sfera professionale.
Ora, io non sono una legale quindi non ho le risposte “a norma di legge” ed è per questo che ho chiesto aiuto e nel podcast di Max Furia, andrà in onda una puntata che vede coinvolti 4 avvocati di rara bravura e disponibilità, che ci aiuteranno a far un po’ di chiarezza.
Ma in preparazione a domani 26 NOVEMBRE, giorno in cui uscirà questa puntata, ecco i temi su cui mi sto arrovellando e che dovrebbero far arrovellare anche voi che mi leggete.

Perché la cosa tocca anche voi se usate i social.

  • Come influisce la mia attività social sulla sfera professionale?
  • Posso essere esclusa o escluso da una selezione in funzione di quello che pubblico?
  • È possibile che uno strumento che massimizza la libertà di espressione giochi a sfavore della mia carriera?
  • Il mio profilo privato è solo mio?
  • L’azienda può chiedermi di usare il mio profilo per veicolare contenuti aziendali? (es. su LinkedIn)
  • E se io volessi usarlo per i miei fini, per il mio Personal Branding?
  • Cosa sono le social policy?
  • Come può il codice etico della mia azienda risultare incompatibile con la mia attività su Instagram?

Avete capito il tema.
Da un lato ciò che facciamo noi dei nostri profili, dall’altro le possibili richieste (o limitazioni) che possono arrivare dall’azienda.

ALCUNE PREMESSE

Quando si usano i social per uso privato in qualche modo si diventa persone pubbliche. Che non vuol dire diventare VIP o influencer ma persone che hanno una visibilità pubblica.
Anche se a mettere un Consiglia o un Like sono solo nostra mamma, il nostro partner, l’amico del cuore e nostra cugina.
Quando scriviamo ci esponiamo pubblicamente e mettiamo in rete parte di ciò che siamo, crediamo, vogliamo, viviamo: da pensieri professionali a piedi in ammollo nel mare, passando per opinioni, paure, improbabili selfie, le medaglie come miglior papà dell’anno, considerazioni sull’universo, figli (i miei sono esposti), progetti professionali, ciò di cui ci nutriamo, ciò che cuciniamo, test assurdi, domande filosofiche profondissime e l’immancabile oroscopo di Brezsny.
E lo possono leggere tutti (compatibilmente con le impostazioni di privacy impostate, e qui non voglio aprire una parentesi quindi procedo).

Togliamoci quindi di dosso l’alibi dell’uso privato come qualcosa di intimo.
L’uso privato di un social ci rende pubblici. Punto.
E quello che mettiamo in rete non sappiamo dove andrà a finire e non sappiamo come verrà interpretato.

Altra premessa: se si sceglie di essere sui social ha senso usarli.
Ok, c’è chi sta alla finestra e basta: è un modo per tenersi aggiornati, per sbirciare, per cazzeggiare di nascosto, per leggere cose interessanti, per studiare la concorrenza, per passare quei 5 minuti in bagno, per ridere, per intercettare notizie quando non si ha l’abitudine di leggere i giornali, per farsi delle domande, per vedere gli alberi di Natale degli altri.
La mia opinione è che lo stare alla finestra significhi usare a metà qualsiasi piattaforma, con il rischio, vedi per LinkedIn, di non ottenere ciò per cui ci si è iscritti (visibilità per intercettare opportunità di lavoro).

PROFILO PUBBLICO E USO AZIENDALE

Vicino all’uso personale vi è un possibile uso aziendale (in particolare di LinkedIn).
E questa “invasione aziendale” ha due possibili varianti:

  1. da un lato può esserci l’azienda che ci chiede di condividere dei contenuti corporate, che ci impone la foto di copertina aziendale, che ci coinvolge per rendere più umana la propria comunicazione, più vera e vicina alle persone.
    Ha senso? Molto. E io voglio pensare che abbia senso sia per l’azienda sia per la persona se vi sono i presupposti giusti. Presupposti che vi spiegheranno meglio Angela Poggi, Laura Mella, Gabriele Carrà e Massimiliano Gaini nella puntata del podcast.
  2. la seconda variante è soprattutto un condizionamento: magari l’azienda non ci chiede niente ma noi ci sentiamo comunque vincolati nel nostro uso quotidiano dei social proprio in riferimento alla realtà in cui lavoriamo “perché poi il mio capo legge” “perché se condivido un contenuto qualcuno dell’ufficio potrebbe insospettirsi” “perché se scrivo di quella cosa potrei essere considerato o considerata male” o addirittura perché un mio comportamento potrebbe generare una sanzione disciplinare.
    Su questo tema ci aiuta Angela Poggi.

E POI CI SONO I RECRUITER (E LE HR)

Sono stata ripresa da un cliente per non aver controllato i canali social di una persona che ho fatto assumere.
Un’altra persona è stata esclusa da una selezione perché su FB c’era qualcosa che non piaceva all’azienda.
E sappiamo che possiamo proseguire…
La legge dice:

È fatto divieto al datore di lavoro, ai fini dell’assunzione, come nel corso dello svolgimento del rapporto di lavoro, di effettuare indagini, anche a mezzo di terzi, sulle opinioni politiche, religiose o sindacali del lavoratore, nonché su fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell’attitudine professionale del lavoratore

Come posso interpretare la parola attitudine? (come vedete non si parla di capacità o competenza).
In un momento in cui le soft skill sono fondamentali e tutti confermano che non sono le competenze tecniche a rendere giusta una persona per un’azienda ma l’incastro tra competenze, atteggiamento, valori condivisi, skill trasversali e qualità personali, io sono chiamata ad andare oltre il CV! (inteso non come documento ma come storia professionale).
Me lo chiedono anche i candidati che spesso accusano la mia categoria professionale di non saper guardare e ascoltare abbastanza per capire chi c’è dietro un Europass.

Per cui, io recruiter (ma vale anche per chi lavora nelle HR e si occupa di selezione) che sono chiamata a farmi un’idea della persona andando oltre l’elenco delle sue medaglie professionali e puntando a mettere in risalto la persona, cosa devo guardare?
Non ho una risposta precisa ma Gabriele Carrà mi ha dato una direzione parlandomi dell'”obbligo di diligenza”.

“L’obbligo di diligenza si sostanzia nell’esecuzione della prestazione lavorativa secondo la particolare natura di essa nonchè per l’esecuzione dei comportamenti accessori che si rendono necessari in relazione all’interesse del datore di lavoro a conseguire un’utile prestazione”.

È scritta un po’ da non farsi capire, lo so, ma la parola diligenza è abbastanza chiara a tutti. Diligenza è un po’ come Buonsenso, un’ottima direzione verso cui volgere lo sguardo.

E LA NORMATIVA?

La normativa c’è e non c’è.
Diciamo che ci sono molti casi di controversie tra aziende e dipendenti legati all’uso dei social e questo dovrebbe farci drizzare le antenne.
Ma del lato legal della faccenda non ha senso che sia io a parlare, potrete contare su 3 ottimi professionisti che, e non capita spesso, sono usciti dalla loro zona di comfort per registrare un podcast, quindi collegatevi (da) domani (26 novembre 2019) su LinkedIn Content Strategy.

Però è utile sapere che in alcune aziende potreste trovare due documenti.
Uno è il Codice Etico.

Il codice etico aziendale è un tipo di documento stilato ed adottato su base volontaria in un ambiente aziendale. Esso definisce un complesso di norme etiche e sociali al quale gli esponenti aziendali si devono attenere.

E in questo documento potrebbero esserci dei riferimenti all’uso dei profili social privati.

L’altro è la Social Media Policy.

La Social Media Policy è un documento contenente le linee-guida da rispettare per aiutare le aziende e i dipendenti a comunicare in modo corretto con i consumatori ed essere protetti sui canali Social. Si tratta quindi di un insieme di criteri da rispettare all’interno di un ambiente lavorativo, legati soprattutto ai Social Network. (https://www.marketingarena.it/2017/08/18/social-media-policy-tre-passi/)

Questo documento quindi contiene ciò che l’azienda può chiederci.

IL BUONSENSO IN RETE

Alessandra Farabegoli per anni ha pubblicato il suo “Manuale di Buonsenso in rete” e secondo me dovrebbe riprendere a farlo.
Lo so che il buonsenso non può essere una risposta ma di nuovo, non nascondiamoci dietro un dito: usare buonsenso non significa pubblicare poco ma pubblicare con responsabilità e soprattutto prendersi la responsabilità di ciò che si pubblica.

Significa che se qualcuno ritiene di escluderci da una selezione per quello che abbiamo pubblicato probabilmente, di contro, non è quella l’azienda in cui avremmo voluto lavorare a prescindere.
Perché se libertà dev’essere la libertà va concessa ad ambo le parti e il buonsenso serve a mantenerci saldi nelle nostre posizioni. Poi possiamo discutere di dove si posizioni il confine tra libertà e discriminazione ma ritorno al punto sopra: se un’azienda mi discrimina per qualsiasi motivo non è il posto dove vorrei lavorare.

Usiamo Buonsenso anche quando:

  • evitiamo di usare i social come uno sfogatoio pubblico
  • evitiamo di inserire foto compromettenti
  • evitiamo che sia la rabbia a guidare le nostra dita sui tasti, quando siamo incazzati con qualcuno evitiamoli proprio i social
  • pensiamo e ripensiamo prima di pubblicare qualcosa soprattutto se ha un contenuto emotivo, una presa di posizione, un’opinione forte, una dichiarazione… o un gattino
  • ci ricordiamo che, se da qualche social appariamo come dipendenti di una certa azienda, significa che in qualche misura la stiamo rappresentando e qui il buonsenso si manifesta a volte più nella capacità di tacere che in quella di dire (in parole povere non sputare mai pubblicamente nel piatto dove si sta mangiando)
  • accettiamo il fatto che una nostra azione sui social, in particolare una nostra opinione o presa di posizione non sia neutra: genererà sempre delle reazioni, qualcuna a nostro favore e qualcuna a nostro sfavore
  • se la nostra attività sui social è contrattualizzata (ovvero venite pagati per pubblicare alcuni post su non so quale social) lo diciamo

Ora, se volete contribuire a questo piccolo decalogo di buonsenso, accetto suggerimenti.
Che la risposta non è “chiudo tutti i profili”, sia chiaro!

Continuiamo a parlarne domani.
Siateci, c’è tanta, tanta roba spiegata bene!

IL CV IN PRATICA: TE LO SPIEGO CON UN DISEGNO

In questo post più che raccontarti il CV te lo voglio far vedere così da rendere più chiaro e concreto ciò che racconto sulle note vocali e sul podcast di Max Furia (ma tu l’hai ascoltata la puntata in questione? la trovi qui).
Ho realizzato quindi due modelli di esempio che troverai in fondo a questo articolo, il mio obiettivo è esserti il più utile possibile e aiutarti a interpretare ciò che scrivo, a unire i punti insomma, lasciando poi a te la messa a punto del tuo personale Curriculum.

Ricapitolando, la struttura del CV (per come oggi io lo considero efficace) prevede alcune accortezze:

  • un job title dopo il proprio nome, che dia subito l’imprinting a chi legge
  • una presentazione prima di affrontare la cronistoria della propria carriera, che chiarisca competenze (hard e soft) e impronta (il tuo stile), che espliciti gli obiettivi, che crei curiosità, che racconti una storia (per i più audaci)
  • a seguire le esperienze professionali (dalla più recente e poi a ritroso)
  • formazione e corsi
  • hobby
  • autorizzazione al trattamento dei dati

Questa struttura può essere piegata alle diverse necessità, ad esempio la presentazione può ospitare anche un dettaglio delle competenze (come nel secondo modello che allego). Può succedere che un profilo abbia bisogno di esplicitare alcune informazioni tecniche e quindi che si renda opportuno creare un box o un capitolo a parte, quello che mi preme trasmettervi è la struttura di massima.

Perché questa e non un’altra?

IMPRINTING

Inserire un job title o un’headline (che è più del nome del ruolo, è una sorta di slogan che include il titolo professionale) aiuta chi legge a crearsi un imprinting immediato, ciò che leggerà dopo ricondotto al ruolo esplicitato all’inizio.

Anche la presentazione ha questo effetto, dice subito e chiaramente a chi legge chi sei e cosa fai. Ma la presentazione aggiunge anche altro, in particolare due cose:

  • il tuo stile: se è vero che sono le soft skill a fare la differenza perché relegarle alla fine del documento?
  • i tuoi obiettivi: non mi stancherò mai di dire che vanno esplicitati, non aspettare che sia chi legge a doverli estrapolare.

PRIMA IL PRESENTE (PROMESSA DEL FUTURO)

L’ordine cronologico è importante: chi ti assume lo fa per ciò che sei oggi e per ciò che puoi diventare. Quindi la prima cosa da comunicare è il presente. Il tuo percorso è importante ma non è il tuo punto di partenza, è ciò che ti ha portato fino a qui.
Chiaro che se sei una neolaureata o un neolaureato e ti stai affacciando per la prima volta sul mercato del lavoro il tuo presente è il tuo titolo di studi e quindi ha senso che compaia prima delle esperienze lavorative se queste non riguardano i tuoi obiettivi futuri (es. se hai dato ripetizioni, fatto il cameriere o la bagnina).

I TUOI HOBBY

Preferisco i CV che citano hobby e interessi, mi aiutano a capire la persona, rendono il documento più umano e mi avvicinano a chi sta scrivendo. Non sei obbligata/obbligato a metterli ma non citarli significa perdere l’opportunità di far emergere qualcosa in più su di te come persona.

E LA FOTO?

Per me la foto sul CV ha senso ma non è obbligatoria e piuttosto che una foto scelta male è meglio nessuna foto. Se c’è un rimando al Profilo LinkedIn peraltro quella è sufficiente.
Mi raccomando, della foto ho parlato anche qui.

ULTIMO MA NON ULTIMO

  • Pensa a chi legge (cosa sa e cosa non sa del tuo lavoro? cos’è rilevante per lei/lui?)
  • La presentazione va in prima persona singolare, il resto non necessariamente
  • Fai un uso intelligente dell’elenco puntato
  • Più ricopri un ruolo manageriale meno hai bisogno di scendere nel dettaglio delle tue attività
  • Se la tua carriera è molto lunga valuta se sia il caso di tagliare le primissime esperienze
  • Il CV deve far venir voglia di incontrarti, non raccontare vita, morte e miracoli della tua vita
  • Chiediti sempre se ciò che stai scrivendo rappresenta un’informazione utile o superflua per chi legge (alcune delle informazioni che spesso non rappresentano un valore aggiunto sono: automunita/o, patente B, madreligua italiano, sesso femminile, stato civile).
  • Nomina il file: CV Nome Cognome anno
  • Invialo in PDF

Ti allego lo schema in due versioni (puoi realizzare il tuo CV con i modelli di Word e Pages, puoi crearlo tu di tua sponte se smanetti benino oppure puoi usare Canva).
E adesso chiarezza e concretezza dovrebbero esserci🙂

Scrivi per farti leggere

Reduce dai primi due moduli del percorso ideato dalla Holden per imparare a narrare le imprese sento il bisogno di scrivere un articolo che riguarda la scrittura efficace.
Non un vademecum di buone pratiche ma qualcosa di ancora più importante: un cambio di prospettiva che da solo ti permetterà di scrivere meglio non appena avrai finito di leggere questo articolo.
Perché scrivere è quella cosa che facciamo tutti, sempre, su qualsiasi cosa.

SCRIVIAMO SEMPRE

Partiamo da questo presupposto e diventiamone consapevoli: scriviamo sempre, scriviamo tutto, scriviamo tutti.
Spesso di fretta, distrattamente, obbligati dalle formalità.
Scriviamo mail, minute, verbali.
Scriviamo relazioni, presentazioni, speech.
Scriviamo CV, profili LinkedIn, bio dei social.
Scriviamo testi per i siti, per le brochure, per il blog aziendale, per i comunicati stampa.
Scriviamo avvisi, procedure, regolamenti.
Scriviamo newsletter, inserzioni, inviti, provvedimenti disciplinari.

Scriviamo per informare, spiegare, delegare, organizzare, gestire, richiamare, motivare, rimproverare, attaccare.
Scriviamo per paracularci.
Scriviamo per rispondere, candidarci, ribattere, difenderci, giustificare, dimostrare, ricordare, testimoniare.
Se siamo fortunati (o innamorati) scriviamo anche per coinvolgere, convincere, lodare, emozionare, avvicinare, sorprendere, sedurre, affascinare.

Quindi sì, scriviamo tanto.
Scrivere è diventata un’attività così normale che quasi non ce ne rendiamo conto.
Come respirare.

Ma a fronte di tanto scrivere la domanda vera è: quanto leggiamo?

LEGGIAMO POCO

Non ti insegno a scrivere in questo post.
Anche perché dovrebbe farlo Annamaria Anelli: business writer che ha gestito il secondo modulo dedicato alla scrittura professionale e – a mio avviso – la migliore sul mercato in questo momento (seguitela, imparerete tantissimo; chiamatela per una consulenza, vi cambierà per sempre il modo di scrivere).
Non ti insegno a scrivere ma ti faccio alcune domande che ti aiuteranno a cambiare prospettiva:

  • quanto leggi di quello che ricevi?
  • leggi o scorri?
  • leggi o guardi?
  • quante volte ti è capitato di dover tornare indietro o di dover rileggere? magari una comunicazione o un avviso interno.
  • ti capita mai di saltare intere righe e di accorgerti che non hai letto pezzi di una mail?
  • ti succede di aprire pagine sul browser e di guardarle senza aver voglia di leggere niente? senza che niente ti agganci? o di ricevere una newsletter, aprirla e chiuderla senza averla letta?
  • hai mai letto completamente un’informativa per la privacy?
  • ricordi di cosa parlava l’ultima comunicazione che ti ha inviato la banca?
  • che emozioni provi di fronte a un avviso pubblico?

Insomma hai capito: in qualità di lettrice o lettore come ti senti “leggi cose” nel tuo quotidiano?
E perché invece ci sono contenuti che salti e contenuti che leggi con interesse e addirittura piacere?
Newsletter che non ti perdi, articoli che salvi per poterli leggere con calma.
Ma anche mail che – se ci pensi – ti piacciono.

Ecco il cambio di prospettiva che ti invito a fare: mettiti nel panni di chi legge!
Chi è, cosa sa, cosa cerca, che cultura ha, cosa vuoi che faccia, come deve sentirsi?
E nel farlo pensa alla tua esperienza di lettore, sarà più facile, perché nella lettura ci assomigliamo tutti, credimi.
Quindi cosa vorresti tu?
Come potresti essere più attenta o attento di fronte a un avviso o a una comunicazione?
Come ti sentiresti se ti accorgessi che chi ha scritto l’ha fatto pensando a te, mettendosi nei tuoi panni, riducendo la complessità, la verbosità, i tecnicismi, gli orpelli, i giri di parole, gli incisi, le nominalizzazioni e i gerundi?

Te lo dico io: bene!
Ti sentiresti bene e coinvolta o coinvolto.
Avvertiresti la relazione che c’è tra te e chi ti scrive, fosse anche l’Assicurazione o Trenitalia.
Quindi figuriamoci cosa succederebbe tra colleghi, nella comunicazione quotidiana.
O con i tuoi clienti.

SIAMO FATTI PER COMPRENDERE STORIE E PER VEDERE IMMAGINI

Questo non lo dice la Holden perché è la Holden, anche se ne avrebbe ben d’onde (e abbiamo fatto la rima).
Lo dicono le neuroscienze.
Le storie ci appartengono anche perché hanno la stessa struttura della vita: inizio, svolgimento, fine.
Le storie ci appartengono perché ci permettono di identificarci.
Le storie ci appartengono perché hanno il potere di stimolare a livello neuronale la stessa risposta di un’esperienza vissuta o di un’emozione provata.

È per questo che quando ci raccontano una storia la nostra attenzione viene catturata più di quando ci mettono di fronte un foglio excel (niente contro i fogli excel, servono e continueranno a servire) è per questo che piangiamo o proviamo paura guardando un film: lo sappiamo che è tutto finto ma questo non ci impedisce di emozionarci.
E tu? Non ti fermi anche tu più volentieri di fronte al racconto che dinnanzi a un bullet point?
Non ti cattura l’immagine della metafora più che un astratto concetto spiegato con dovizia di particolari?

Costruire storie e immagini non presuppone per forza l’essere creativi ma allenarsi a comunicare secondo la modalità con cui, chi ci ascolta, capisce di più. Se abbiamo imparato a usare excel e power point ti assicuro che possiamo anche imparare a costruire piccole storie e metafore ficcanti.

IMPARA A RESPIRARE, IMPARA A SCRIVERE

Hai mai sentito parlare dei benefici del respiro?
Ti hanno mai detto: respira e vedrai che starai meglio?
E tu a pensare: certo che respiro, respiro in continuazione, altrimenti non sarei qui a parlare con te.
Ma credimi: la maggior parte di noi non respira, la maggior parte di noi fa funzionare i polmoni, non respira.
E te lo dico perché io stessa non respiravo. Poi mi sono accorta di quanto tutto possa essere diverso respirando per davvero.

Bene, la scrittura è uguale: tutti siamo convinti di scrivere perché lo facciamo sempre!
Ma non è vero: infiliamo parole in una mail, farciamo di avverbi le relazioni, spolveriamo di aggettivi l’inserzione, scegliamo l’aziendalese per darci un tono ma non stiamo comunicando.
Scriviamo ma non è detto che qualcuno ci legga.
Scriviamo ma non è detto che riusciamo a far vedere e sentire e se non riusciamo a far vedere e sentire non produrremmo un movimento, un’azione.

Respira quindi.
E scrivi per comunicare.

Mettiti nei panni di chi legge e scrivi con intenzione e consapevolezza, con la cura che serve a proteggere una relazione importante, con la concretezza necessaria a stimolare un’azione.

Mettiti nei suoi panni e poi scegli la chiarezza, la concretezza e le frasi corte.

Colloquio di lavoro: quali domande devi fare tu?

Sei a un colloquio di lavoro, sei già di fronte all’azienda per la quale ti sei candidata o candidato.
Hai risposto a tutte le domande con competenza, trasparenza e il giusto mix tra sintesi e dettaglio.
Hai affrontato senza troppi imbarazzi anche le domande che riguardano te come persona, gli interessi, le tue qualità.
E poi arriva la domanda che ti spiazza accompagnata da un sorriso e da un punto interrogativo che alla fine non si capisce se è quello dell’azienda o il tuo: “Lei ha qualche domanda da farci?”

Resti immobile un secondo, poi fai scorrere lo sguardo nella stanza, cerchi un appiglio, qualsiasi cosa ti permetta di fare una domanda sensata che non riguardi gli orari di lavoro, la mensa e le vacanze.
Alla fine glissi con un:
“No, grazie, è stato tutto già molto chiaro. Magari la prossima volta”.

Capisci che hai perso un’occasione e ti chiedi se ci sarà questa prossima volta.


Ti è mai capitato?
Potrebbe capitarti (di nuovo).

Perché succede a tutti prima o poi. Succede di non essere pronti a passare dalla parte di chi valuta.
Che anche tu debba decidere se l’opportunità ti interessa è chiaro ma se sei lì è assodato che il settore dell’azienda ti interessi e quindi spesso ciò che ti serve è la descrizione del ruolo (mansioni, attività, obiettivi da raggiungere) per avere il quadro completo. Che altro c’è da sapere?


In realtà molto ma dipende da cosa stai cercando.
Se è “un nuovo lavoro” immagino che conoscere ruolo e settore possa essere quasi sufficiente.
Se invece quello che cerchi è un nuovo lavoro che rispetti alcune condizioni, che ti permetta di crescere, che sia in un’azienda sana, che ti consenta di fare formazione, che ti appaghi dal punto di vista delle relazioni ect… beh allora il discorso cambia.

In questo post ti aiuto a rispondere alla domanda di quando tocca a te fare le domande.
Senza che tu venga scambiato per la Santa Inquisizione, ovvio.

PREMESSA

Giusto o sbagliato che sia, in un processo di selezione (soprattutto nelle fasi iniziali) è l’azienda che di solito pone più domande e si sente nella posizione di chi valuta.
Lo fa perché sta considerando più candidati/e e ha bisogno di scremare.
Quando la rosa si stringe allora è concesso più spazio alle persone finaliste che sono invitate a chiarire ogni loro dubbio, inclusi gli orari di lavoro e la gestione delle ferie se rappresentano elementi importanti nel loro processo di valutazione.
Questo non significa però che anche al primo incontro non ti venga data la possibilità di chiedere.
Anzi, a volte non è un semplice gesto di cortesia e disponibilità, talvolta è un ulteriore passaggio di valutazione.
Quindi prepararsi anche a questo è fondamentale.

PARTI DAI TUOI OBIETTIVI

Non puoi fare alcuna domanda sensata se non hai chiaro cosa stai cercando: se non sai cosa per te è importante, cosa è essenziale e cosa è superfluo (ovvero bene se c’è ma non è indispensabile).
È per questo che il primo passo è un’attenta valutazione di ciò che conta per te.

Ecco come puoi fare: in un foglio scrivi a braccio tutte le cose che vorresti trovare in una nuova azienda, da ciò che è essenziale per farti accettare una proposta a ciò che invece rappresenterebbe un valore aggiunto, da aspetti legati al ruolo a quelli logistici, da contenuti di valore a quelli di ambizione.
Tutto, senza freni e senza limiti.
Di seguito le aree che ti suggerisco di indagare relativamente a ciò che vuoi:

  • i valori (i tuoi e quindi quelli che ritieni importante trovare)
  • aspetti tecnici (contratto, tipo di responsabilità, gerarchia, strumenti di lavoro, organizzazione attuale della funzione, processi e procedure interne, com’è legata la tua ipotetica funzione con le altre, policy interne, il codice etico se c’è…)
  • la formazione (come viene gestita)
  • progetti/attività di employer branding e on-boarding
  • le possibili prospettive di crescita (specifiche e generiche: è un’azienda che prevede dei passaggi interni verticali o orizzontali)
  • aspetti logistici (viaggi, trasferte, smart working, flessibilità in ingresso…)

Ora prendi questa super lista e crea 3 sotto liste:

  1. gli aspetti indispensabili (in mancanza dei quali tu non potresti in nessun caso accettare una proposta)
  2. gli aspetti importanti (quelli che rappresentano per te un motivo per cui scegliere una proposta anziché un’altra)
  3. gli aspetti di incentivo (quelli che rappresentano un valore aggiunto che non sposta la tua scelta ma che potrebbero in qualche modo gratificarti)

Aver chiarito il primo e il secondo punto ti permetterà di avere bene in mente la mappa con cui porre eventuali domande e gli ambiti precisi su cui puntare il riflettore quando dovrai fare le tue valutazioni, ambiti decisivi per aiutarti a decidere.
Senza questo primo lavoro di auto-analisi ti assicuro che sarà difficile porre le domande giuste, e le domande giuste per te sono quelle che toccano i punti 1 e 2.

Un ulteriore blocco di domande potrebbe riguardare l’azienda, non proprio delle questioni da porre ma aspetti su cui ti consiglio di indagare:

  • passato, presente e futuro dell’azienda (la storia, il posizionamento attuale e la direzione in cui si sta muovendo)
  • cosa, come, perché: cosa fa l’azienda, come lo fa e soprattutto PERCHÈ
  • il motivo per cui si sta cercando una persona in quel ruolo (è una sostituzione? quanto è rimasta la persona prima? è un ruolo nuovo? nato da quale esigenza/obiettivo?)

Attenzione: alcune di queste domande potrebbero essere fatte al recruiter se c’è.

COME SI FANNO  LE DOMANDE A COLLOQUIO

Ora che hai capito cosa indagare, non tanto per fare bella figura ma per fare anche tu una scelta ponderata e consapevole, passo a darti alcune indicazioni per porre le tue questioni in modo adeguato e coerente con il contesto.
Sono consigli, non regole incise sulla pietra e sono generali, vanno poi applicate al singolo caso:

  • opta per le domande aperte, che diano modo all’azienda di argomentare e quindi non risolvibili con un sì, un no o con una risposta secca. Es. invece di chiedere “in azienda fate formazione?” preferisci qualcosa del tipo “mi racconta di come viene gestita la formazione all’interno di questa azienda? cosa avete fatto nel passato?”
  • preferisci le domande specifiche ed evita quelle troppo generiche, paradossalmente è quando si tocca un tema specifico che la risposta richiede di essere articolata, restare troppo in superficie al contrario permette di glissare più facilmente Es. non “l’azienda è meritocratica?” ma “ci sono stati casi di crescita che hanno portato qualcuno a raggiungere ruoli apicali o a cambiare funzione? me li racconta?”
  • se riesci punta a conoscere i fatti: più che “com’è l’azienda” dovrebbe interessarti capire “cosa ha fatto l’azienda”. Chiedi esempi, fatti, azioni, attività, progetti (un po’ come ti ho già indicato negli esempi precedenti). Come per le persone sono fatti che contano.

Da un punto di vista della sequenza delle domande:

  • all’inizio di un processo come già detto avrai meno spazio, concentrati quindi sugli aspetti per te fondanti, quelli afferenti al punto 1
  • solo nei passaggi successivi approfondisci anche il punto 2 ed esplora il punto 3
  • ricordati che ci sono delle informazioni che puoi trovare navigando sul web: tutto quello che è accessibile in altri modi in linea di massima non va indagato a colloquio (ti consiglio anzi di raccogliere informazioni ancora prima del primo colloquio, arrivare preparati è cosa buona e giusta).

Sul COME fare le domande per non apparire inquisitori una buona tecnica è informarsi sul proprio tempo a disposizione: è possibile che dopo di te ci siano altre persone in attesa per il proprio colloquio e capire il tempo residuo per non sforare e per non costringere l’azienda a dare risposte striminzite è una prima attenzione da non sottovalutare.

Se le domande che devi fare sono poche (2 o 3) e coerenti tra loro ti suggerisco di farle tutte insieme per dare all’azienda la possibilità di strutturare una risposta più ampia.

Non usare le risposte che ti vengono fornite per dare la tua visione delle cose o per generare altre 7 domande a cascata, attieniti il più possibile ai punti che avevi in testa e chiedi un approfondimento solo se pensi di non aver compreso la risposta.

Questo è tutto quello che ti serve per arrivare preparato alla fase delle domande, una fase che ti permetterà di raccogliere informazioni ma anche di comunicare interesse, motivazione, consapevolezza e maturità professionale.
Alcune domande di tipo tecnico, inerenti la funzione, potrebbero aiutarti a trasmettere una competenza che nella prima parte dell’incontro non avevi sottolineato o che non era emersa, perché:

È più facile giudicare l’ingegno di un uomo dalle sue domande che non dalle sue risposte.
(Pierre-Marc-Gaston de Lévis)

Glassdoor, la trasparenza per chi cerca lavoro e l’Employer Branding

La scorsa settimana ho partecipato a due eventi legati al mondo del lavoro: la conferenza stampa dedicata al lancio in Italia di un nuovo portale per la ricerca di lavoro, GLASSDOOR e un convegno sull’employer branding.
In questo articolo vi racconto cos’è Glassdoor e come può aiutarci nella ricerca di un posto e di un datore di lavoro da amare e vi riporto alcune considerazioni che ho fatto rispetto al nostro sistema lavoro e all’evoluzione che è chiamato a fare. E che ci riguarda anche come singoli.

GLASSDOOR E IL SENTIRE DI CHI LAVORA

Glassdoor è uno dei più grandi siti a livello globale per la ricerca di lavoro e per la selezione di personale.

“La nostra missione è aiutare le persone in tutto il mondo a trovare il lavoro e l’azienda che amano.”

Lo fa puntando sulla trasparenza che caratterizza (o dovrebbe caratterizzare) il posto di lavoro.
Cosa significa?
Significa che su Glassdoor le aziende pubblicano inserzioni e promuovono il proprio employer branding e voi potrete inserire una recensione rispetto a politiche retributive, organizzazione, gestione interna, politiche di crescita, clima aziendale e altri insight delle società in cui avete lavorato.
Volendo banalizzare: è il Tripadvisor del mercato del lavoro.
Ne consegue che, così come quando si cerca un ristorante si valutano le recensioni di chi c’è già stato, in modo simile le persone su Glassdoor possono informarsi meglio sulle opportunità e sulle aziende per cui si candidano.
Che ne dite? Vi sconfinfera questa idea?

Nell’ambito del suo lancio in Italia avvenuto il 26 settembre 2019, Glassdoor ha condotto una ricerca online tra oltre 750 persone occupate e in cerca di lavoro nel mercato italiano e alcuni dei dati emersi sono questi:

  • L’85% delle persone in cerca di lavoro e dei dipendenti afferma che la realtà lavorativa tende a differire rispetto alle aspettative generate in fase di colloquio: insomma, a colloquio si erano fatte un’idea dell’azienda che poi non si è dimostrata tale.
  • Il 77% delle persone in cerca di lavoro e degli occupati dichiara di trovare utile leggere le recensioni dei dipendenti attuali o precedenti di un’azienda quando deve decidere dove andare a lavorare.
  • Il 86% delle persone in cerca di lavoro e dei dipendenti afferma che trovare la giusta cultura aziendale è più importante che guadagnare di più.
  • Il 63% delle persone in cerca di lavoro e dei dipendenti, in riferimento al lavoro attuale o al più recente, afferma di non aver negoziato il proprio stipendio e di aver accettato il salario offerto nella proposta d’impiego.

Alla fine di questa lettura le mie considerazioni sono state queste:

  • la cultura del lavoro in Italia ha bisogno di evolvere perché è ancora legata a un concetto di “padrone vs lavoratore” dove il datore di lavoro esercita un potere quasi malvagio sui propri collaboratori; dove il lavoro è un male necessario a cui bisogna prestarsi (o prostrarsi); dove in un processo di selezione a valutare pare essere solo l’azienda (che ha il cosiddetto coltello dalla parte del manico).
  • le funzioni HR e le società di mediazione (recruiter e head hunter) dovrebbero essere i primi attori chiamati in causa per ristabilire il giusto equilibrio all’interno del processo di recruiting. Dipingere una realtà che non esiste o omettere informazioni rilevanti ai candidati non è una strategia lungimirante nel medio-lungo termine, sembra banale da dire ma il sondaggio ci fa capire che così banale non è.
  • sempre parlando alle HR il tema dell’Employer Branding si fa pressante non solo per reclutare giovani talenti, ma ne parlo tra poco.
  • chi cerca lavoro deve smettere di sentirsi vittima di un sistema brutto e cattivo e iniziare a diventare fautore della sua stessa crescita e carriera. La capacità negoziale di chi cerca lavoro è direttamente e strettamente collegata a ciò che ha da offrire a chi lo vuole assumere.
    Quindi:
    • Abbiate molto da offrire.
    • Prendete coscienza che siete parte in gioco di un processo di valutazione in cui dovete fare domande, raccogliere informazioni, analizzare le prospettive e, a monte, chiedervi e fare chiarezza su ciò che volete.

Alla fine di queste considerazioni che non vogliono limitarsi a provocare ma fungere da stimolo per pensare a cosa cambiare del proprio atteggiamento per ottenere risultati differenti e per migliorare il mondo del lavoro, la mia opinione rispetto a una piattaforma come Glassdoor è ambivalente.

È certo che, nelle intenzioni, questo strumento risponderebbe a un bel po’ di quei mal di pancia descritti prima rendendo possibile a chi cerca lavoro la raccolta di informazioni necessarie a ponderare con attenzione una scelta (o a influenzarla…).

La mia domanda è: siamo in grado di usare una piattaforma di questo tipo con responsabilità e rispetto per la sua funzione? Sapremo davvero valorizzare l’opportunità di trasparenza che ci offre?
O diventerà per le aziende una vetrina dove farsi belle e per i dipendenti l’opportunità per sparare a zero in incognito contro un datore di lavoro con cui non ci si è trovati bene?

EMPLOYER BRANDING, CHE NON È LO SMART WORKING E NON È LA PUBBLICITA’

A proposito di Employer Branding (ovvero la reputazione che un’azienda ha come luogo di lavoro), vi riporto alcuni concetti che ho fatto miei ascoltando manager delle RU e del MKTG che hanno capito che fare Employer Branding non significa (solo) fare comunicazione per attrarre talenti.
Non significa nemmeno far sfoggio dei benefit previsti, mettere a punto slogan accattivanti, concedere lo smart working e il maggiordomo aziendale, aprire la palestra e il nido interno.

L’Employer Branding si basa sulla COERENZA tra quanto l’azienda promette o comunica e ciò che i giovani (e non solo loro) trovano, dopo essere stati assunti.

L’Employer Branding inoltre non deve essere la strategia per pescare i giovani di potenziale, non è insomma uno strumento a disposizione solo del cosidetto talent acquisition. Che poi, come diceva giustamente l’HR Manager di Carel Spa: i talenti non esistono e le aziende dovrebbero prendersi la responsabilità di formare e far crescere le persone che meglio rispondono al contesto aziendale, che meglio vi si adattano, e smettere di cercare il candidato perfetto.
L’obiettivo dell’Employer Branding quindi non è di creare un’immagine attrattiva per chi è fuori dall’azienda, anzi, in primis dovrebbe migliorare le condizioni di lavoro di chi già lavora in azienda. In questo modo saranno i dipendenti stessi i primi testimoni e garanti del brand aziendale (magari proprio usando Glassdoor).


Insomma, alla fine dell’evento è risultato chiaro che per chi cerca lavoro, giovani e meno giovani, ciò che conta sono le persone con cui si lavora, la cultura aziendale (che porta con sé anche i valori) e la visione.

Persone, cultura e visione fanno la differenza, generano fiducia ed engagement.

COSA POSSIAMO FARE NOI?

Nel nostro paese il sistema lavoro da una parte tutela i diritti e dall’altra ingessa la mobilità di chi lavora. È inoltre un sistema dove il datore di lavoro è visto spesso come il “nemico” da cui guardarsi le spalle o peggio ancora da fregare.
Allo stesso modo l’impresa ogni giorno è chiamata a scendere a patti con vincoli e norme che ne limitano la libertà di azione e la flessibilità di fronte al mutare delle condizioni del mercato.
Niente di peggio come l’atteggiamento negativo che si genera da queste percezioni per affrontare un cambiamento volto a creare un clima di collaborazione e fiducia, di onestà e crescita.
Io credo che le aziende, e con loro le società di intermediazione, abbiano una responsabilità privilegiata nel muovere il primo passo verso un’evoluzione culturale.

Come?
La trasparenza e una comunicazione più diretta e autentica sono il primo passo a cui sto pensando.
Ma sono sicura che ci sia molto altro da fare fin da subito senza necessariamente dover aprire una palestra interna.

Però tocca anche a noi, ognuno è chiamato a fare la propria parte. Non è un appello populista ma l’unica cosa che possiamo fare diversa dal lamentarci e dal criticare: contribuire ogni giorno per un mondo del lavoro meritocratico agendo a nostra volta la trasparenza e la fiducia, mantenendoci sempre attivi sul mercato del lavoro, usando oggettività quando su Glassdoor andremo a scrivere la nostra recensione, confrontandoci in modo autentico all’interno di un iter di selezione e contribuendo con il nostro lavoro alla crescita delle società in cui operiamo, diventando noi stessi parte attiva dell’attività di Employer Branding aziendale.


Ripeto e chiudo: non so se siamo pronti all’arrivo di uno strumento così democratico come Glassdoor ma mi piace pensare che un portale come questo possa aiutarci a diventarlo. E mi piace pensare che l’employer branding non sia un’attività appannaggio delle aziende che possono dotarsi di benefit invidiabili ma il modo con cui la Direzione/proprietà, l’HR e la Comunicazione uniscono idee, sensibilità, competenze e risorse per rendere l’azienda un luogo migliore, il migliore possibile.

Nuove parole per chi cerca lavoro, nuove orecchie per chi assume: è tempo di cambiare

“Ho fallito in passato e oggi devo rimettermi in gioco ma come faccio a spiegarlo?”
“Sono stata fuori dal mondo del lavoro per crescere i miei figli e ora non so come rientrare, ho paura che nessuno capirebbe la mia scelta”
“Ho capito che il mio lavoro non mi soddisfa e ora voglio cambiare strada ma non so come scrivere il mio CV”
“Cerco da tempo di cambiare lavoro ma è come se fossi trasparente sul mercato, temo che il mio profilo sia banale”
” Il mio percorso professionale non è lineare e non so come raccontarlo in modo convincente a chi mi deve assumere”


Potrei andare avanti a lungo, sono frasi che ci toccano perché una o l’altra pizzicano il nostro vissuto o quello di qualcuno che conosciamo.
Spesso non è facile trovare le parole giuste per trasmettere tutto quello che abbiamo dentro e tutto quello che possiamo dare ma soprattutto per spiegare scelte e accadimenti che “macchiano” il nostro percorso professionale o accademico.


Dall’altra parte abbiamo chi (mi includo perché sono frutto della cultura, del mercato e della società in cui sono professionalmente cresciuta):

“Non lavora da 5 anni, non posso presentarla in azienda”
“Non ha il titolo di studio richiesto”
“Ha cambiato lavoro troppo spesso, forse qualcosa non va”
“Ha accettato un downgrade importante, avrà avuto dei problemi?”
“A questa età sarà difficile ricominciare…”

Il mix tra “non so come dirlo” e “non voglio/posso ascoltare” ha un esito abbastanza scontato. 

NESSUN BUONISMO

Questo non è un articolo che vuole strappare lacrime o like e nemmeno mira far sciogliere i cuori dei recruiter o delle aziende che assumono.
Questo è un post che parla di competenze e di cambiamento (il più difficile, quello culturale).

Dobbiamo sviluppare nuove competenze e dobbiamo farlo tutti: chi offre e chi cerca lavoro perché solo così potremo intaccare schemi antichi e far evolvere il mercato e la cultura del lavoro.

Chi non si impegnerà in questa direzione (quella della comunicazione e del cambiamento) sarà penalizzato, senza dubbio e senza giustificazioni.
Chi continuerà a compilare – magari pure male – il CV in formato europeo, chi non farà lo sforzo di rendersi presentabile e desiderabile, chi pubblicherà inserzioni che non spiegano il ruolo e non fanno intendere niente dell’azienda/funzione/settore, i recruiter che non instaureranno un rapporto di trasparente collaborazione con chi cerca lavoro, chi selezionerà utilizzando i soliti vecchi stereotipi: nessuno di loro potrà trovare uno spazio di rilevanza nel mondo del lavoro.
Perché comunicare bene non è più una competenza accessoria, non è più la collana sopra un bel vestito ma è il vestito stesso. Il tuo vestito (sia tu una persona che cerca lavoro, un recruiter o l’HR di un’azienda).

Faccio subito un inciso: non credo che la buona comunicazione sia la panacea di tutti i mali, di certo non chiuderà il buco nell’ozono (non da sola intendo). Prima e accanto a qualsiasi buona comunicazione ci vuole qualcosa da comunicare: la sostanza è imprescindibile.
Le competenze per chi cerca lavoro sono necessarie, a ognuno per il proprio livello di esperienza. Quindi no, non si trova lavoro imparando a comunicare e non trova lavoro solo chi sa farlo. La comunicazione serve a veicolare un contenuto, un valore: se quel contenuto manca si chiama fuffa e non è cosa di cui trattiamo qui.

Allo stesso modo va detto che alcuni stereotipi purtroppo nascono e fioriscono sulla base di comportamenti reali che si sono perpetrati: da parte dei candidati e da parte dei datori di lavori. Le scorrettezza siamo schietti, la troviamo da ambo le parti e chi fa il mio lavoro lo sa perché assiste dalla prima fila ai colpi bassi di una e dell’altra parte.
Il mercato del lavoro quindi non è solo difficile ma è anche sporco perché pieno di rancore, paure, frustrazioni che vi assicuro, sono legittime e sono dei giocatori di ambedue le squadre in gioco.
Il problema è che non possiamo aspettare sempre che siano gli altri a cambiare per primi. 
E oggi il cambiamento che vi suggerisco e che è già alla vostra portata riguarda il trovare le parole giuste e ascoltare con orecchie nuove.


PAROLE NUOVE PER CHI SI COMUNICA

Saper argomentare le proprie scelte, i cambi di rotta, le caratteristiche personali, le ambizioni, i propri valori non è qualcosa che spetta solo a chi è estroverso o a chi ama chiaccherare. 
Scrivere un CV efficace non può essere appannaggio di chi in Italiano aveva 8 e agli altri il formato europeo.
E un profilo LinkedIn mezzo vuoto e lasciato là non serve a niente.
Ma soprattutto è possibile comunicare bene anche decisioni e momenti del proprio percorso che risultano più critiche o delicate da affrontare.
È possibile trasformare quello che a noi sembra un intoppo in un punto di valore.
Senza giustificare, senza omettere, senza inventare.
Senza vergogna.
Trovare le parole si può e non bisogna essere dei copy per farlo.
Certo, servono allenamento e pazienza, talvolta serve un aiuto e un supporto, qualcuno che faccia da guida e tenga in mano la penna, ma prima di tutto serve consapevolezza: essere consapevoli che si può dire anche ciò che non sappiamo spiegare. E desiderare farlo.
Dopo aver maturato la consapevolezza, che porta sempre con sé l’amica volontà, allora si può davvero agire e lavorare su di sé e sulla propria comunicazione.

Come?
Non è necessario pagare un super coach (anche se può essere una delle strade): viviamo dentro a un mondo che gira intorno al marketing e alla comunicazione, o forse siamo noi a orbitarci intorno ma poco cambia perché è sufficiente, per iniziare, osservare e ascoltare, prestare attenzione. E poi leggere, approfondire, aprirsi al dialogo, imparare da chi già lo fa e, come dice un libro meraviglioso, rubare come un’artista.
Ma su questo punto vi rimando alla fine perché ho due suggerimenti molto più pratici da darvi.


ORECCHIE NUOVE PER CHI ASSUME E GESTISCE

Passiamo ora dall’altra parte della barricata, dalla mia parte.
Che lo so bene, quando ricerchiamo un nuovo collaboratore abbiamo una serie di vincoli e requisiti da mettere insieme che manco per trovare il partner siamo così selettivi.
Deve possedere competenze precise e specifiche eccellenti, incarnare qualità personali da premio nobel per la pace, avere un percorso lineare che dimostri fedeltà e abnegazione e, nel caso di donna, non aver certi grilli per la testa, tipo la sopravvivenza della specie umana, e però se non è sposata ci sorge il dubbio che ci sia qualcosa che non va perché sai com’è, le zitelle…
Sì sto estremizzando e ironizzando ma chi scrive, per la legge, è una ragazza madre quindi l’ironia non vuole mancare di rispetto a nessuno.

So che mi sto muovendo sulle uova parlando di questi temi quindi mi limito a una constatazione a un invito: il mondo del recruiting sta cambiando eppure spesso resta ancorato a vecchi pregiudizi e stereotipi che in altri paesi sono già diventati letame per concimare la terra. 
Qui no. 
Non ancora, non ovunque, non per tutti.
Io sono speranzosa.  

Orecchie nuove e nuovi occhi per guardare oltre sono indispensabili a noi che lavoriamo nel mondo delle HR per contribuire a far evolvere la cultura del lavoro nel nostro paese.

Non sarà sufficiente ma noi che facciamo questo mestiere siamo i primi a dover muovere il culo. Io quantomeno lo penso.
Il nostro ruolo comporta una responsabilità e il superamento del mero compito da eseguire. E non perché siamo più bravi ma perché abbiamo scelto – spesso lottando – di lavorare con e per le persone.
Perché c’è una cultura del lavoro che mi porta ancora oggi a sentire candidati che cercano di ottenere un’offerta di lavoro solo per andare dal proprio titolare a contrattare una promozione. O aziende che mi chiedono collaboratori che non debbano assentarsi per maternità.
Non è la regola per fortuna ma gli stereotipi sono tanti, milioni di milioni come cantava un antico spot pubblicitario di quando ero bambina.
Io per prima mi sono accorta di dover sfoderare le orecchie e di dover mettere da parte tante convinzioni per aprirmi agli altri.
E non sono diventata più buona nel farlo, solo sto imparando ad ascoltare di più e a pensare prima di parlare, a indossare le scarpe degli altri quantomeno per gestire le relazioni. Perché alla fine, in ogni selezione, ne passa solo uno (quando va bene).
Ascoltare con orecchie nuove significa:

  • valutare senza giudicare,
  • approfondire i “perché” e non solo i “cosa”,
  • lavorare con e per i candidati, non solo per il cliente che ci paga
  • contribuire ogni giorno a intaccare una mentalità vecchia che ritiene il lavoro un male necessario e le persone mera forza lavoro.


COME FARE

La riflessione per questo articolo è nata ascoltando un podcast dedicato a chi cerca lavoro.
Anna Maria Anelli ha realizzato 6 puntate dedicate a chi deve comunicarsi sul lavoro e non sa come spiegare, argomentare, scrivere scelte difficili, situazioni di difficoltà, fallimenti, paure…
Si intitola Le Parole per Farlo e potete ascoltarlo su Storytel, il primo mese di ascolto è gratuito quindi non dovrete spendere un euro per fare vostra questa preziosa raccolta di interviste che vi aiuterà a trovare le parole e a capire come si può comunicare qualcosa che, a prima vista, è più simile a una macchia di sugo sulla camicia bianca che a una cravatta dal nodo perfetto (registrati qui).


Però io consiglio questo ascolto anche a chi fa selezione (da volerli quasi obbligare), a chi assume, a chi cerca e valuta collaboratori perché non basta che i candidati imparino a scegliere le parole giuste se chi legge e ascolta usa criteri vecchi.

Le Parole Per Farlo – Anna Maria Anelli – Storytel

Il podcast di Anna Maria oltre ad aiutarvi vi emozionerà per la forza, il garbo e la profondità con cui tratta tematiche molto delicate e a tratti dolorose ma vive e reali.
Ascoltarla significherà prima o poi immedesimarsi in una delle storie che si susseguono, sentirne il carico emotivo e scoprire che c’è un modo per non escluderle dal proprio racconto professionale.
Le sue interviste vi infonderanno una consapevolezza nuova, quella del “si può!”.
Si può dire. Si può fare. Si può cambiare.
Con le parole.
È un regalo quello che vi farete, garantito al limone.

Piccolo spazio pubblicità: ho aperto un canale Telegram per VOI

Se poi vorrete approfondire più in concreto le tematiche sopracitate io vi suggerisco in modo assolutamente autoreferenziale il mio canale Telegram, fresco fresco di nuova apertura: ho deciso di creare uno spazio dove condividere suggerimenti, stimoli, buone pratiche e indicazioni a chi vuole comunicarsi meglio per e sul lavoro. Un contenitore di note vocali che possono farvi compagni la mattina quando andate al lavoro e che hanno lo scopo di parlare di comunicazione personale (personal branding) ai non addetti ai lavori. Lo trovi qui o cercando Personal HR.

Buon ascolto.

Il personal branding non è più un optional per chi cerca lavoro

“Lavoro come dipendente di un’azienda, ho il posto fisso, sono quadro all’interno di una grande industria, sono impiegata amministrativa in un’azienda familiare, ho appena conseguito la laurea in Ingegneria Meccanica.”

Cosa hanno a che fare queste ipotetiche persone con il personal branding?”
In una parola: TUTTO.
O quantomeno tutto il loro futuro professionale per la piega che sta prendendo il mercato del lavoro e la ricerca di personale.


Ok, la posizione intransigente non piace nemmeno a me ma questo articolo vuole portarvi a riflettere su qualcosa che fino ad oggi è sempre stata appannaggio di aziende, liberi professionisti, guru e influencer: il self marketing e la comunicazione di sé a scopo carriera.
Quindi vado giù un po’ diretta consapevole che, proprio perché sto parlando con e di persone e non di una nuova linea di assorbenti, ogni situazione ha le proprie particolarità e non c’è una ricetta che si può spalmare su tutti in modo uniforme come la nutella sul pane.


L’assunto di base è il seguente: per crescere professionalmente (dentro la propria azienda o attraverso il passaggio per realtà differenti) ma anche per ricollocarsi dopo un momento di inattività o di difficoltà, è indispensabile comprendere e sviluppare il proprio brand personale. 
Secondo assunto: il personal branding vi aiuterà più di un bilancio delle competenze a comprendere la vostra identità professionale con il valore aggiunto di comunicarla all’esterno.


MA ANDIAMO CON ORDINE: COS’È IL PERSONAL BRANDING?

Partiamo dal buon Wikipedia:
Il personal branding è l’attività con cui prima si consapevolizza e poi si struttura il proprio brand ovvero la propria marca personale.
È un processo attraverso cui una persona definisce i punti di forza (conoscenze, competenze, stile, carattere, abilità, ecc.) che la contraddistinguono in modo univoco, creando un proprio marchio personale, che comunica poi nel modo che reputa più efficace.

Scandellari dichiara:
Il Personal Branding consiste nella comprensione e valorizzazione delle capacità e qualità personali, attraverso un’adeguata comunicazione ad un pubblico interessato

Gioia Gottini è più concreta:
Il personal branding è l’unione tra la tua personalità e il problema che risolvi.   

Danzi è più strutturato e ne parla in un recente articolo:
Il personal branding è una vera e propria costruzione della propria identità ai fini di una maggiore efficacia comunicativa della professionalità, su canali fino a ieri sconosciuti o poco battuti; è la trasposizione della propria immagine professionale sui social network (LinkedIn in primis, ma senza escludere Facebook e Twitter) e, nel caso di coloro con maggiori capacità di comunicazione, su piattaforme editoriali (Medium) e blog personali, necessaria per un manager, indispensabile laddove la libera professione diventasse un’alternativa concreta.                                                              

Ma la definizione che io preferisco è quella diretta ed essenziale di Luigi Centenaro:
Il tuo Personal Brand è la ragione per cui un cliente, un datore di lavoro o un partner ti sceglie.
Fare Personal Branding significa gestire in maniera strategica la propria immagine professionale.

Ricapitolando e cercando di semplificare:

  • il tuo brand è la tua reputazione professionale
  • la reputazione è ciò che gli altri pensano e dicono di te quando tu non ci sei (quindi non è necessariamente ciò che dici tu),
  • il tuo personal brand è fatto di ciò che sai, di ciò che sai fare e della tua impronta personale (chi sei tu, quali valori ti sostengono, quale approccio ti guida…),
  • il personal branding è tutto ciò che fai per comprendere, definire e comunicare la tua reputazione professionale. È ciò che fai perché quello che pensano gli altri assomigli il più possibile a ciò che vuoi che pensino di te (fortuna che avevo promesso di semplificare).

È chiaro quindi che:

  1. ognuno di noi ha un brand, che lo voglia o meno,
  2. la scelta è se agire consapevolmente per farne uno strumento di sviluppo professionale o continuare a scrivere CV in formato europeo e richiedere il bilancio delle competenze.

E ora togliamoci anche il dubbio che vedo comparire nella vostra testa: no, il Personal Branding NON È fare o farsi pubblicità e no, non è vero che lavora solo chi sa raccontarla meglio.
Senza competenze, hard e soft, non c’è personal branding che valga.
Ma a parità di competenze chi sa fare personal branding ha sicuramente più possibilità di ottenere un lavoro.

PERCHÈ E A COSA TI SERVE IL PERSONAL BRANDING?

Il personal branding trova casa soprattutto nell’estensione digitale di ciascuno di noi: i social network, il blog, le piattaforme on line all’interno delle quali decidiamo di registrarci e inserire contenuti.
Ma anche nella mail di presentazione che accompagna il CV, nel CV stesso, nei sistemi di application di molte società di recruiting o delle aziende stesse.
Ovunque andiamo a inserire del testo che parla di noi contribuisce a trasmettere la nostra credibilità professionale (presente o potenziale) e, a momento debito, influenza la scelta di chi è chiamato a valutarci per una possibile collaborazione/assunzione.

È determinante?
Non lo sappiamo a priori, ma possiamo essere certi che contribuisce.

A cosa?
Alla percezione che avranno di noi le persone che entreranno in contatto con i “nostri” contenuti e con i nostri account social. A quella che io chiamo “l’esperienza che fanno di noi le persone prima ancora di incontrarci”.

E ora vorrei fare un passo oltre e azzardarmi a dire che il Personal Branding è un meraviglioso percorso di orientamento professionale
Riprendo quanto affermato da Osvaldo Danzi nell’articolo citato poco fa, che peraltro sposo con entusiasmo: il personal branding oggi rappresenta la modalità attiva e propositiva di vivere il mercato del lavoro e quindi anche la ricerca di un lavoro. E per come avviene, il processo di messa a punto del brand include anche un processo di orientamento professionale.
Chiamiamolo orientamento professionale 4.0 se vogliamo: qualcosa che non ha niente a che fare con il mero bilancio delle competenze e le attività di outplacement ma che permette di:

  • analizzare in profondità le proprie motivazioni e le ambizioni,
  • di confrontarle con ciò che si sa fare e con il modo con cui si desidera essere percepiti,
  • di trovare il proprio modo personale e autentico di comunicarle all’esterno.

So che questo terzo punto è quello che per molti rappresenta lo scoglio più alto: esporsi, promuoversi, fare marketing di sé.
Vendersi.
Che brutta roba…
Su questo non voglio addentrarmi adesso perché mi riservo di fare l’antipatica in un altro post ma vi lascio solo una considerazione prima di passare a dirvi come iniziare a fare Personal Branding: si sta sviluppando in modo prepotente il social recruiting. Significa che le opportunità di lavoro viaggiano sempre di più sui social network e che aziende, recruiting e professionisti utilizzano queste piattaforme per cercare nuovi collaboratori e partner.
Possiamo decidere di adottare un approccio romantico e vecchio stampo e affidarci solo al CV, magari il più bel e ben scritto CV del mondo. Ma se poi lo affidiamo a un piccione viaggiatore anziché agli strumenti con cui la maggior parte delle persone cerca e trova lavoro oggi, l’unica cosa in cui potremo sperare è in una grande botta di culo. 
Essere (sui) social non è più un’optional (vi concedo di snobbare Facebook ma LinkedIn non può mancarvi) ed essere sui social non significa aprire un account e lasciarlo là come se fosse una pianta grassa.
Se poi davvero troverete un modo per farvi notare al di fuori di questi canali fatelo, se mai mi arrivasse davvero un piccione viaggiatore io incontrerò chi me l’ha inviato senza alcuna esitazione. Ma realisticamente oggi è più facile che mi arrivi un drone, e la poesia è già andata a farsi benedire, a questo punto meglio LinkedIn.

Riassumendo, fare personal branding vi aiuterà a chiarire e mettere a fuoco la vostra strategia professionale (anche chi lavora come dipendente ne ha una, anche chi dice di non avere ambizioni ne ha una) e a farvi scegliere da un potenziale datore di lavoro. E oggi non è più in discussione l’importanza di usare i canali digitali per intercettare opportunità di lavoro e per essere intercettati dai recruiter/aziende ma usare i social è qualcosa di diverso da essere sui social.

Come iniziare a fare Personal Branding

E veniamo alla messa a terra di ‘sto pippone incredibile: come si fa?
Prima di fare Personal Branding bisogna mettere definire il brand.
Perché non si parte mai a fare qualcosa, neanche un piatto di pasta al pomodoro, prima di aver fatto un’analisi e messa a punto di ciò che serve, ciò che si ha a disposizione, ciò che manca e degli obiettivi che si vogliono raggiungere: ho la pasta? ho il sale? quanta pasta mi serve? il pomodoro c’é? per quante persone devo farne? ho una pentola abbastanza capiente? so come si cucina la pasta?

Quindi l’analisi e la definizione del brand sono il primo passo.
Se vi interessa approfondire o anche sperimentare vi consiglio di usare:

Tutto fa branding di Gioia Gottini è un ebook molto semplice e pieno di esercizi pratici che possono fare tutti.
Il Personal Model Canvas tradotto e aggiornato da Luigi Centenaro è uno strumento un po’ più evoluto ma meraviglioso per ragionare su di sé (da soli o accompagnati da qualcuno che lo sa usare).
Personal Branding del sopra citato Luigi è un’altra pietra miliare che vi consiglio di leggere.
Infine potete trovate fior fiore di consulenti pronti a darvi una mano, me inclusa. Ma su questo punto fate bene attenzione e scegliete la persona che sentite più in linea con il vostro modo di essere e diffidate da chi vi assicura che troverete lavoro immediatamente dopo aver chiuso la consulenza.

Definito il brand si comincia con il Personal Branding, ovvero con l’attività di marketing vera e propria.
Gli strumenti a vostra disposizione sono:

  • il CV, che è ancora un mezzo importante nella ricerca di un lavoro e nella comunicazione di sé e quindi bando ai modelli pre-compilati (se non esplicitamente richiesto) e un po’ di olio di gomito per scrivere qualcosa che sia distintivo, identitario e rilevante per chi legge;
  • la lettera di accompagnamento, che spesso è la mail: vi pregio di inviarvi il mio CV è un po’ superato, non trovate?
  • il profilo LinkedIn, che dev’essere aggiornato (siamo tutti bravi a compilarlo quando cerchiamo lavoro ma quando l’abbiamo cambiato chi si ricorda più di inserire la nuova esperienza professionale?), deve contenere una foto come LinkedIn comanda (la faccia Dio del ciel, la vostra faccia!), deve contenere un’headline e un riepilogo ragionato e accattivante, e poi a ritroso le esperienze professionali;
  • tutti gli altri social: non è obbligatorio che parliate del vostro lavoro su Facebook o che postiate le foto della vostra scrivania su Instagram. Ma la vostra immagine pubblica (e relativa reputazione) si compone di tutti i pezzetti che di voi spargete sul web. Di conseguenza la coerenza e il buon senso dovrebbero guidarvi nella pubblicazione di contenuti che non dicono esplicitamente come lavorate ma mostrano che tipo di persona siete;
  • i contenuti: e qui tocchiamo l’ennesimo tasto dolente. I contenuti sono vostri amici, i contenuti sono buoni, i contenuti vi sapranno ricompensare. Dico davvero. E non abbiate paura a esporvi perché ora vi svelo un segreto: all’inizio, e per un bel po’ di tempo, la maggior parte dei vostri contenuti passerà inosservata. Avrete così il tempo di migliorarvi cammin facendo e di correggere il tiro gradualmente acquisendo quella dimestichezza che nessun manuale e nessun consulente può darvi, ovvero facendo pratica. Iniziate commentando o riproponendo i contenuti di qualcun altro, interagendo insomma, e via via sperimentate cercando il vostro tono di voce e il vostro ritmo. Su questo punto tornerò con un post ad hoc, promesso. Per oggi vi consiglio di iniziare a seguire Max Furia e il suo LinkedIn Content Strategy: lo trovate su LinkedIn, su Facebook, in podcast e con le note vocali Telegram. Fidatevi, vi aiuterà.
  • il network: non serve avere 23.000 contatti ma con 356 non andate lontano. Però attenzione: sparare inviti a tutta la rubrica è sconsigliato. Consigliatissimo invece usare quel pulsantino che vi permette di scrivere due parole, prima o dopo aver ricevuto il contatto perché di vero contatto si possa parlare. Personalizzare è la segreto per essere notati.
  • per chi ha voglia di osare poi ci sono i blog, Medium (una piattaforma editoriale dove si possono pubblicare articoli), forum e gruppi tematici, gli articoli di LinkedIn (Pulse) e poi ancora i canali video, le canali telegram, i podcast ma qui siamo già alla cintura nera del Personal Branding e per ora possiamo lasciarla ai guru e agli influencer perché non è tanto la somma degli strumenti che userete ma la credibilità che riuscirete a trasmettere e la consapevolezza con cui andrete a proporvi.

Per oggi mi fermo qui.
Sarei felice se vi fosse venuta voglia di andare a rivedere i vostri testi su LinkedIn e se si fosse accesa la lampadina del personal branding ovvero della cura della vostra reputazione professionale.
Per trovare lavoro, per cambiare lavoro, per crescere all’interno dell’azienda in cui state già lavorando.
Insomma, per diventare dei professionisti più completi.