Speed Interview: non è un colloquio come gli altri

La scorsa settimana ho tenuto un intervento all’Università di Vicenza per preparare circa 200 studenti di Ingegneria ad affrontare lo Speed Date, un evento che sta prendendo sempre più piede negli ultimi anni. In poche parole: una stanza, numerose postazioni con i referenti di altrettante aziende, uno stuolo di candidati motivati a farsi conoscere e  una serie di colloqui brevi, spesso informali, scanditi dal suono di una campanella, che permettono alle aziende di incontrare quanti più studenti possibile e ai partecipanti di farsi conoscere a un numero interessante di imprese. Tutto nell’arco di una o due ore al massimo perché ogni incontro dura dai 6 ai 10 minuti al massimo.

Anch’io, con Competenze in Rete o WinePeople, organizzo ogni anno di questi eventi e spesso mi trovo a rappresentare qualche azienda, gestendo gli incontri per conto loro. È stato quindi con piacere e con un po’ di consapevolezza che ho preparato la lezione. Nel mio intervento ho spiegato: prima la differenza che c’è tra un colloquio di lavoro normale (che dura dai 40 ai 60 minuti di norma) e una speed interview e poi ho dato suggerimenti e indicazioni utili a sfruttare al meglio la seconda.

La prima cosa da capire è che durante uno speed date cambia tutto: cambia il contesto, le modalità, gli obiettivi, le finalità e cambia anche il tipo di ascolto da parte di chi ci incontra. Di conseguenza è impensabile che il nostro messaggio rimanga lo stesso, ovvero la narrazione del CV e l’esposizione di cosa sappiamo e/o vogliamo fare.

Obiettivo della speed interview

Innanzitutto chiariamo un concetto fondamentale che poi è anche la prima, drammatica differenza tra un colloquio normale e uno veloce: l’obiettivo delle due interviste è diverso! È assai remota infatti, la possibilità che un incontro di 6/7 minuti vi faccia ottenere un lavoro. E su questo mi sento di essere piuttosto perentoria.
Quindi, mentre un colloquio classico ha l’obiettivo di capire, approfondire, testare, valutare, ecc… in funzione spesso di un inserimento in azienda, un colloquio veloce mira invece a capire se c’è potenziale e sostanza per andare oltre, se ci sono i presupposti per rivedersi in futuro, con calma, per un approfondimento.

Pertanto con che spirito va affrontato? Il vostro obiettivo dovrebbe essere quello di lasciare un segno (e quindi un ricordo) per conquistare l’accesso a un colloquio vero e proprio. Tutto qua (si fa per dire)!

Se questo punto è chiaro tutto il resto viene da sé, anche se so che “tutto il resto” non è in realtà né facile, né scontato. Perché sfido chiunque ad affrontare un tet à tet di pochi minuti, con un possibile (e magari desiderabile) datore di lavoro e riuscire a fare qualcosa di unico e differente per lasciare un segno. Eppure questo dovrebbe essere il vostro obiettivo, e vi assicuro che in molti sbagliano e sprecano la loro opportunità proprio perché affrontano uno speed date come una sequenza di colloqui classici dove raccontarsi velocemente. Niente di più sbagliato!

lanciate un messaggio non iniziate un racconto

Ad affrontare bene una speed interview può aiutarci il modello di comunicazione che adottano le pubblicità e che segue questi step: 
sorprendere: catturare l’attenzione, fare in modo che il destinatario del messaggio si fermi e ascolti (o guardi, legga, ecc…). L’inizio di qualsiasi spot (ben fatto) ha l’obiettivo di agganciare per farci andare oltre e per arrivare al cuore del messaggio;
argomentare: questo è il cuore del messaggio, e di solito ha l’obiettivo di spiegare i vantaggi di ciò che si sta promuovendo e/o di stimolare un bisogno nel possibile acquirente; 
convincere: significa portare chi ascolta o guarda a fare qualcosa (CTA – call to action). Brutalmente la pubblicità di solito vuole che noi compriamo qualcosa e l’obiettivo finale è questo.

Riconoscete lo schema? Spero di sì. 
Ora applicatelo a una speed interview e vedrete che funziona perfettamente.

sorprendere

Il primo passaggio è sorprendere! È necessario in un contesto di, passatemi il termine, batteria. Sono il responsabile HR di un’azienda e in un’ora e mezza vedo circa 12 persone in sequenza, via una e sotto la successiva. Ogni candidato arriva e prova a raccontarmi il suo CV in 6 minuti perché è convinto che la migliore strategia per questi colloqui sia semplicemente la sintesi.
Arriva un candidato che rompe le regole e fa qualcosa di imprevisto.
Secondo voi che probabilità avrà che io mi ricordi di lui? Magari non mi resterà in mente il suo percorso ma mi ricorderò di lui e quando dovrò decidere chi rivedere, è molto probabile che lo penserò senza nemmeno dover andare a cercare il suo CV.

E come si fa a sorprendere? I modi vanno cercati “nel posto dove ci piove dentro” (Cit.). Fate funzionare l’immaginazione. Può aiutarci un gadget da lasciare, oppure un racconto che con il lavoro non c’entra niente, un’idea potrebbe essere quella di preparare un CV di noi tra 10 anni, oppure far parlare un breve filmato e poi argomentarlo negli ultimi due minuti…
Sei minuti sono pochi per raccontarsi e farsi memorizzare ma sono davvero molti per lasciare un segno e diventare memorabili (sì, questa l’ho pompata ma ci credo davvero).

argomentare

Questo è il cuore di ciò che avete da dire. E – lo ripeto – non è il riassunto del vostro CV. A meno che  voi non abbiate competenze più uniche che rare o esperienze sbarluccicose che solo se citate fanno girare la testa a chi vi ascolta, l’argomento più interessante con cui dovete proporvi siete VOI! Voi, sì. Quella persona che ci state insieme da quando siete nati e che alla domanda “mi parli di lei” diventa un perfetto estraneo. “Che domanda difficile, non ci avevo mai pensato!” (qui vorrei inserire una gif con me che cado dalla sedia, immaginatela!)

Ebbene sì, ciò che siete o volete diventare nel lavoro entra in qualche modo nel vostro messaggio ma è impensabile pensare di trasmettere tutto in 6 minuti quindi, dovendo scegliere, privilegiate voi al vostro percorso. E questo vale soprattutto se siete giovani e siete all’inizio della vostra esperienza professionale.

Anche parlando di voi però, attenzione alle banalità. Le banalità sono quelle cose che tutti dicono di sé a un colloquio di lavoro:
“sono motivato e collaborativo, mi piace risolvere problemi, sono flessibile e preciso, ma anche veloce e imparo in fretta” (peccato, per questa posizione cercavo proprio uno scansafatiche individualista e musone, distratto e un po’ duro di comprendonio!!)

Mi sono spiegata?
Preparatevi, anche a parlare di voi stessi evitando di cadere nell’ovvio che non porta alcun valore aggiunto e che quindi non smuove alcun interesse. E se vi serve un momento per fare il punto o un supporto per indagare meglio le vostre caratteristiche, prendetevelo. Perché non c’è niente di peggio che presentarsi a colloquio e non riuscire a trasmettere un’immagine autentica, credibile e consapevole di se stessi. Se siete stuzzicati dall’idea di fare un breve percorso di auto-analisi leggete qui.

L’argomentazione infine deve rispettare il principio della rilevanza. Non è sufficiente parlare di sé dicendo cose autentiche. È indispensabile che ciò che dite sia rilevante per chi ascolta. E qui la cosa si complica un po’ perché non sappiamo cosa sta cercando (se sta cercando davvero qualcosa) chi ci ascolta. Ne parlerò in modo più approfondito in un post a parte, in ogni caso, come regola di principio, mettetevi sempre dalla parte di chi vi ascolta e chiedetevi se quello che volete dire potrebbe interessargli o meno. Se il vostro messaggio porta con sé un valore aggiunto o si limita a descrivere qualcosa/qualcuno. 

convincere

Se avete lavorato bene nei primi due punti il terzo è facile che arrivi in automatico. Se avete sorpreso e agganciato l’interlocutore e se siete riusciti a comunicare in modo autentico concetti rilevanti è molto probabile che sarete ricontattati per un approfondimento. Che poi è il vostro obiettivo. Vi sconsiglio quindi qualsiasi azione push.
Alla fine, la strategia migliore, a mio avviso, passa per un garbato saluto e il rispetto delle regole: se il tempo è scaduto è il momento di tendere la mano e passare oltre. L’unica accortezza che vi consiglio è di non lasciare la postazione senza il biglietto da visita del vostro interlocutore, o almeno nome e cognome. Un contatto discreto su Linkedin a distanza di uno o due giorni servirà da promemoria a chi ha avuto il piacere di passare con voi pochi minuti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...