Il CV: che formato scelgo? Europass, classico o creativo?

La scorsa settimana è uscito un mio post sul portale C+B, ho parlato del Curriculum e ho cercato di dirimere una questione sempre un po’ discussa e mai completamente chiara.

QUAL È IL FORMATO IDEALE DI UN BUON CV?

Europeo, creativo, super-grafico, per competenze, cronologico, resumé, alternativo e chi più ne ha più ne metta.
Su C+B ho parlato a chi lavora in proprio, qui invece allargo la visuale e mi rivolgo anche a te che lavori come dipendente e ti stai ponendo questa domanda.

RAGIONIAMO UN PO’…

Io non ho la verità in tasca, o meglio credo che NON CI SIA UNA SOLA verità.
Ci sono degli elementi da valutare.

Elementi per i quali il tanto bistrattato formato europeo (che oggi è evoluto a Europass) potrebbe rivelarsi la scelta più opportuna, in alcuni casa l’unica possibile (ad. esempio se come me lavori per istituzioni o su progetti finanziati dove viene richiesto questo e solo questo tipo di documento).
In altri casi invece un CV cronologico classico e senza alcun elemento di originalità grafica produce qualche perplessità in chi lo legge (es. se è il CV è quello di un grafico creativo).

Quali sono quindi gli elementi da valutare prima di scegliere che formato adottare?

  • a cosa mi serve il CV, ad assolvere a un obbligo o a comunicare e convincere chi legge ad incontrarmi?
  • quanto tempo ho a disposizione? devo elaborare un documento velocemente o sto preparando qualcosa di curato e personalizzato?
  • a chi è destinato? chi è il mio interlocutore tipico? un ente/istituzione, la funzione marketing di un’azienda, la funzione HR, una società di recruiting?
  • che lavoro faccio? lavoro in amministrazione, sono un avvocato, sono un creativo, mi occupo di comunicazione digitale, sono un area manager, lavoro in ufficio tecnico…
  • che livello di seniority ho e in quale settore opero? è significativo spiegare ogni singolo passaggio della mia carriera o posso puntare alla descrizione delle mie competenze attuali sotto forma di resumé?

Rispondi a ogni domanda, l’esito finale non può essere incerto! Capirai da solo/a quando è opportuno “ripiegare” su un dignitoso Europass (e per favore evita il vecchio modello europeo o, se proprio vuoi usarlo, usalo bene, non è mica necessario inserire le competenze artistiche se queste si limitano ad aver cantato nel coro della parrocchia e ricordati di eliminare le istruzioni di compilazione nella colonna di sinistra, mi raccomando) e quando invece vale la pena di creare qualcosa ad hoc. Quando serve creatività e quando invece è più opportuno mantenere uno stile sobrio (ma non piatto ehh… poi vediamo cosa significa).

EUROPASS, QUANDO?

Abbiamo capito quindi quando usare l’Europass:

  • quando bisogna e quando abbiamo fretta principalmente,
  • quando ricopriamo un ruolo aziendale che non ha importanti contenuti di creatività,
  • quando ci spaventa molto l’idea di “inventare” qualcosa e abbiamo il dubbio che non riusciremo a gestire i futuri aggiornamenti del documento,
  • quando dobbiamo comunicare solo ed esclusivamente la nostra storia professionale e le competenze maturate, con evidenza ai diversi passaggi cronologici.

Quindi no, non è una scelta sbagliata, basti sapere che si tratta di un’opzione molto standard e standardizzata: nessuna eccitazione particolare quando scaricherai il CV compilato, te lo dico, ma avrai un prodotto dignitoso, ben formattato e adeguato al suo scopo. Se pensi che ti serva questo è giustissimo usare questo formato.

PERSONALIZZATO: CREATIVO O CLASSICO?

Se invece scegli il CV personalizzato si apre un nuovo dubbio: quanto devo lavorare di grafica, paiette e lustrini? Dovrò forse ingaggiare un grafico per renderlo attraente?

No! Prima di partire per la tangente fermiamoci e di nuovo ragioniamo. Non è sempre necessario elaborare qualcosa di articolato, super-creativo, trabordante grafica e interattivo.
Perchè se posso darti un consiglio solo sarebbe questo: scegli un formato che ti risulti agevole, maneggevole e semplice da aggiornare in futuro e punta ai contenuti (chiarezza, completezza, sintesi, capacità comunicativa), e ricordati che:

l’originalità più sfidante (e potenzialmente efficace) è quella che affidi alle parole, non tanto alla grafica!

È inutile quindi perdere le serate a elaborare un CV con le paillettes e dover imprecare ogni volta che dovrai modificarlo perchè si sformatta a ogni piccola variazione di testo (ehh già, un CV andrebbe personalizzato quasi a ogni invio, lo sai vero??).

Quindi un formato classico, pulito, sobrio ma personalizzato, con l’uso di due colori (il nero e un altro colore), con una grafica basilare, una mappa visiva* ben definita e un testo curato e personalizzato che comunichi il tuo lavoro ma anche un po’ te come persona e ciò che stai cercando/offrendo, è davvero la scelta migliore.

*per mappa visiva intendo un’efficace distribuzione dei contenuti, che agevoli la lettura del documento da parte di chi lo riceve. Si realizza usando bene gli spazi, paragrafi, box, linee di separazione, link, bold.

LE PAILLETTES NON POSSONO MANCARE SE…

Se invece il tuo mondo è quello della grafica e della creatività io mi aspetto che il tuo CV sia in parte anche una “dimostrazione” delle tue competenze: parte della tua credibilità professionale deve manifestarsi proprio lì. Sfrutta quest’opportunità: tu hai una possibilità in più rispetto a tanti altri, quella di far vedere le tue competenze.
Solo alcune attenzioni:

  • ricordati che gli elementi grafici e i simboli non compaiono in una ricerca testuale, quindi evita di affidare al disegno parole o concetti chiave,
  • pensa al tuo interlocutore: parla la tua lingua? è dentro al tuo mondo? se sì puoi osare un po’ di più, in caso contrario fai attenzione: il rischio è di non essere capito, quindi preoccupati sempre che la forma e i contenuti grafici del tuo CV non interferiscano con la sua comprensione/lettura.

Queste sono alcune riflessioni che mi sono sentita di condividere, come vedi non ci sono regole incise sulla pietra che ti permettono di scegliere IL formato giusto una volta per tutte.
Non funzionerebbe. Più opportuno avere a disposizione diversi modelli e scegliere quello più adeguato a seconda del contesto/obiettivo.

UN REGALO FINALE

Chiudo con un regalo: se cerchi dei template creativi o quantomeno diversi da quelli di word ma non hai dimestichezza con la grafica ti suggerisco di usare CANVA. È un programma di impaginazione gratuito (basta registrarsi) che propone diversi modelli pre-compilati, tra quelli proposti ci sono anche molti spunti per il resumé dai quali puoi elaborare un buon curriculum grafico. Provare per credere.

Foto di Vítor Santos

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...